Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 253

Kelly Joyce a Francavilla al Mare per "Sotto le stelle del Jazz"

DeCanto Project è lo straordinario spettacolo che incanterà il pubblico di Amalfi. Protagonista del palco di Piazza Duomo Kelly Joyce, la regina del pop-soul, con sfumature pop e R&B contemporaneo. Ancora un grande show di respiro internazionale per il nuovo appuntamento di Amalfi Summer Fest, in programma lunedì 8 agosto alle ore 21.30. 

Prosegue il viaggio del grande cartellone estivo promosso dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Daniele Milano. Un crossover di generi che, questa volta, dal pop-jazz sia apre a contaminazioni swing, manouche francese, fino al cantautorato italiano, accompagnate da degustazioni.

DeCanto nasce da due grandi passioni di Kelly Joyce, la musica e l’enogastronomia, fondendole in una performance dal vivo che si trasforma in una sorta di “degustazione in musica che lascia respirare le note musicali creando uno spettacolo fresco, fine e persistente”. 

“Un sorso di musica dove il lasciar respirare è la nota comune per apprezzare sia le sfumature del vino che quelle del repertorio musicale tra pop jazz, swing e il cantautorato italo francese", afferma la stessa Kelly.

“Sarà una serata sorprendente. Il fascino della voce di Kelly Joyce conquisterà la platea – sottolinea l’assessore agli eventi Enza Cobalto – La musica riesce a creare connessioni e ponti tra le culture. L’idea artistica dell’estate di Amalfi consiste nell’esplorare sonorità e linguaggi espressivi differenti. Attraverso il concerto di Kelly Joyce, inoltre, celebriamo due settori, lo spettacolo e l’enogastronomia che, in fase di chiusure e restrizioni Covid, hanno registrato forti perdite. Significa valorizzare i nostri talenti e le nostre eccellenze enogastronomiche, con una formula originale e dirompente”.

Ancora una volta Piazza Duomo si trasforma in un salotto raffinato, per accogliere l’artista di origini francesi, ma italiana di vocazione, con la sua band di musicisti di grande fama.  

DeCanto Project è un mash-up perfetto di sound & wine dove la musica si degusta e il vino si ascolta. Ad anticipare il progetto il singolo “Male male”, nato dalla simbiosi tra lo stile frizzante di Kelly, la spumeggiante cultura enogastronomica di Gilles Coffi Degboe, giovane promessa della Sommellerie, e il sound irresistibile della tromba del grande Fabrizio Bosso: una vera e propria fusion di musica e vino con ritmi jazz manouche.

Dall’assonanza tra i termini decanter e cantare, nasce il concept portato in scena dall’artista parigina, figlia d’arte: il padre King Joe Bale è un compositore e cantante, la madre, la Contessa Emmanuelle Vidal De Fonseca è stata la fondatrice delle Chocolates, famosa band degli anni 70 nota a livello internazionale con brani come Brasilia Carnaval.

Kelly inizia la sua carriera nel 2001 con “Vivre la Vie” prodotto da Universal Music e contenuta nell’album che segue “Kelly Joyce” che esce in tutto il mondo vendendo 800.000 copie.

Il corso della sua carriera è scandito da palchi importati come il Vaticano e Festival Nazionali ed Internazionali Pop/Jazz. Collabora con diversi artisti in varie lingue, da Big Fish, alla cantante azera Tunzale Agayeva con cui duetta nel brano “Bakımın .zü Gülür” (Baku Smiles) utilizzato come colonna sonora d’apertura dei Giochi Olimpici Europei tenuti a Baku nel 2016.

Nel tempo coltiva un’altra grande passione, l’enogastronomia, studiando come Sommelier con AIS, così nasce DeCanto Project, che prevede una raccolta di canzoni in collaborazione con alcune cantine vinicole, tra le più illustri del Paese, in cui la musica. Si ispira alle caratteristiche organolettiche dei vini, che a loro volta sono commentati da Gilles.

Autenticati