Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 326

La Fidapa di Castellabateillumina di rosa la casa comunale - Il Mattino.it

In occasione della “Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne” l'associazione, tutta al femminile, "FIDAPA di Castellabate", guidata dalla Presidente Roberta Piccirillo donerà alla comunità una “panchina rossa”, simbolo permanente della sensibilizzazione contro questa piaga sociale.

L'evento, che è stato anticipato a causa delle avverse previsioni meteorologiche, si terrà mercoledì 24 novembre alle ore 18, in piazza Madre Teresa di Calcutta alla frazione Lago e gode del patrocinio del Comune di Castellabate. Una cerimonia molto sentita e partecipata durante la quale è prevista la benedizione del Parroco, don Pasquale Gargione, l'intervento del Presidente Roberta Piccirillo e del Sindaco Marco Rizzo, alla presenza del direttivo della sezione Fidapa Castellabate e della cittadinanza. Una speciale targa commemorativa sarà applicata anche a questa panchina, così come su quelle precedentemente donate, una collocata a Santa Maria in piazza Caduti del Mare e l'altra sul belvedere di Castellabate. 

“Soprattutto alla luce degli ultimi femminicidi speriamo, attraverso queste iniziative, di aumentare la consapevolezza delle persone sul problema molto serio della violenza di genere poiché maltrattamento e abusi sono fenomeni diffusi ma non altrettanto conosciuti – spiega la presidente FIDAPA Castellabate, Roberta Piccirillo – la nostra associazione promuove da sempre azioni positive e partecipa alle attività istituzionali sul tema al fine di rimarcare che ogni forma di discriminazione e di abuso verso le donne è da denunciare e condannare senza esitazione”.

Autenticati