Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 206

 New Music Friday, le scelte di Rolling – 24 aprile 2020 | Rolling Stone  Italia

"L'hai notato eh?", ha risposto un po' enigmatico Keith Richards, il chitarrista del gruppo britannico, in un recente articolo sul Los Angeles Times, dove gli viene chiesto perché il brano non è più nell'elenco delle canzoni. si sono esibiti durante il loro tour iniziato il 26 settembre, un mese dopo la morte del loro batterista Charlie Watts.

"Sto cercando di capire con gli altri dov'è il problema. Nessuno capisce che questa è una canzone sugli orrori della schiavitù? Ma vogliono seppellirla. Al momento, non voglio alcun conflitto con nessuno di questi m…”, ha aggiunto Keith Richards, citato dal quotidiano californiano. Tuttavia, il chitarrista 77enne aggiunge: "Spero che un giorno potremo resuscitare il bambino". E il cantante Mick Jagger aggiunge: "Suoniamo Brown Sugar ogni sera dal 1970, quindi a volte pensiamo 'per ora lo togliamo e vediamo come va' (...). Uscito nel 1971, "Brown Sugar", uno dei brani più famosi degli "Stones", parla di schiavitù, sesso e droga, attraverso immagini di donne e uomini frustati che ne approfittano per soddisfare le proprie fantasie. Negli ultimi anni si sono sentite sempre di più le critiche contro la canzone, considerata "razzista". Nel 2015, "Brown Sugar" è stato descritto come "violenza grossolana, sessista e sorprendente per le donne nere" in un articolo del New York Magazine. Nel 1995, in un'intervista con la rivista Rolling Stone, Mick Jagger, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha ammesso che "non avrebbe mai scritto questa canzone oggi". "Probabilmente mi sarei censurato (...) Dio sa di cosa sto parlando in questa canzone. È un tale casino. Tutti i soggetti più osceni messi insieme in un colpo solo."

Autenticati