Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 183

Depuratore a Maiori, Anna Bilotti (M5S): "Il Ministero della Cultura  conferma le criticità dell'impianto" - Positanonews

Una legge organica che riconosca strutturalmente le esigenze delle aree interne e ne promuova l'accoglienza turistica. Questo il nucleo del discorso dell’On. Anna Bilotti in occasione della sua partecipazione al TTG di Rimini, uno degli eventi internazionali più importanti nell'ambito del turismo e della promozione, presso lo stand della Regione Campania, dove è intervenuta alla tavola rotonda "Borghi, enogastronomia ed esperienze - la Campania per un modello di turismo nelle aree interne'’.

L'evento, promosso dalla Commissione per le Aree Interne guidata dal consigliere regionale Michele Cammarano, è stato l'occasione per annunciare un disegno di legge nazionale a firma della deputata salernitana per lo sviluppo delle aree interne. "È indispensabile superare la fase sperimentale dell'attuale strategia nazionale - sottolinea la deputata salernitana - per riconoscere e tutelare il valore sociale, culturale e anche turistico di un'Italia rurale, montana, diversa rispetto alle mete tradizionali e a forte rischio di spopolamento. Quella che propongo è una visione d’insieme e a lungo termine per lo sviluppo di aree che rappresentano la maggior parte del territorio italiano e che da decenni vivono una lenta agonia". Un ritorno alle piccole realtà, in controtendenza con l’urbanizzazione e con l’accentramento dei servizi è auspicabile anche in risposta ad un’esigenza che si è riproposta dopo la recente pandemia. Alle congestionatissime mete turistiche tradizionali è sempre più richiesto un prodotto più maturo dove natura, cultura ed esperienze diventano preminenti rispetto ai siti da 'cartolina'. “Un turismo coerente con i valori culturali, esperienziali e salutistici propri delle aree interne può rappresentare una risposta concreta a medio termine per la loro rinascita e per l'inizio di un percorso di riscatto che non è più rimandabile.” conclude l'On Bilotti.

Autenticati