Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 206

Comunali Napoli, Maresca: "Se Manfredi ha trovato 5 miliardi in cinque  giorni allora è Mandrake" - DIRE.it

Prosegue la campagna di ascolto nelle commissioni congiunte Infrastrutture e Monitoraggio PNRR , presiedute rispettivamente da Nino Simeone e Catello Maresca, sull’esclusione dell’azienda ABC dal recente bando PNRR per l’ammodernamento della rete idrica.

È stata, in mattinata, la volta del presidente dell’Ente Idrico Campano Luca Mascolo e del direttore di ABC Alfredo Pennarola e, nel pomeriggio, del dirigente del Servizio partecipate Gianfranco Dentale e dei rappresentanti sindacali di ABC.

Luca Mascolo ha ricostruito le cause e le motivazioni di legge che hanno portato l’Ente Idrico Campano ad escludere ABC dalla delibera del 18 maggio scorso che individuava i progetti da finanziare con risorse PNRR nella prima finestra di accesso. L’obiettivo ora deve essere quello di garantire all’azienda idrica napoletana la possibilità di adeguare i requisiti di ammissione entro la prossima finestra di ottobre, e in particolare: è necessario riallineare le poste contabili tra ABC e Comune e approvare i bilanci 2019 e 2020 in Giunta e poi in Consiglio comunale; elaborare il Piano di Distretto e completare così la procedura di affidamento che individua ABC quale gestore unico del ciclo integrato delle acque nel Distretto Napoli Città.

Nel confronto il consigliere Sergio D’Angelo (Napoli Sociale Europa verde) ha ricordato che ABC ha approvato i suoi bilanci fino al 2018 sempre con un utile di esercizio, a dimostrazione di uno stato di salute che, si ha l’impressione, troppo spesso venga sminuito. D’Angelo ha poi insistito sulla natura di soggetto “salvaguardato” di ABC, un titolo riconosciuto per la partecipazione al bando ‘React-Eu’ e l’ammissione a un finanziamento di 27 milioni di euro e non riconosciuto invece nel caso del bando PNRR. La piattaforma informatica per la presentazione dei progetti PNRR, ha spiegato Mascolo, prevede in modo rigido i profili di accesso (definiti dal Testo Unico dell’Ambiente) e tra questi, secondo quanto valutato dall’EIC, ABC per ora non rientra.

Al direttore Alfredo Pennarola il presidente Maresca ha chiesto come ABC intenda procedere fino al mese di ottobre, se si stiano valutando impugnative della delibera dell’EIC, quantomeno per fare chiarezza sullo status di soggetto “salvaguardato” dell’azienda. Pennarola ha chiarito che si sta valutando l’ipotesi; ABC si stava da tempo preparando ai bandi PNRR, ha creato una struttura ad hoc che ha predisposto progettualità per centinaia di milioni di euro. La notizia dell’esclusione da parte dell’EIC è stata perciò inaspettata: l’azienda si è mossa, probabilmente lo ha fatto tardi – ha chiarito – ma ora bisogna accelerare per arrivare entro ottobre all’affidamento. Va chiarito – ha concluso – che i fondi disponibili per la seconda finestra sono sensibilmente inferiori, 108 milioni di euro per il Mezzogiorno, pertanto l’azienda sta valutando una rimodulazione al ribasso del progetto.

Il dirigente comunale Gianfranco Dentale è fiducioso sulla possibilità di effettuare gli adeguamenti dei requisiti entro il mese di ottobre. Nel frattempo, in base alla valutazione dei bilanci adottati nel 2019 e nel 2020, si potranno adottare le misure nel bilancio comunale per riequilibrare gli eventuali disallineamenti.

Ascoltate infine anche le sigle sindacali aziendali che hanno espresso preoccupazione sul futuro dell’azienda e chiesto l’avvio di una reale interlocuzione tra Amministrazione comunale e ABC. Per Alessandra Clemente (Misto) il ruolo della commissione su questo tema è stato determinante, e grazie al lavoro di ascolto svolto finora, è stato possibile capire come stanno le cose, sarà importante vigilare anche sulle future forme di finanziamento. Per Rosario Andreozzi (Napoli Sociale Europa Verde), c’è la sensazione che ci sia la volontà politica di far perdere ad ABC queste opportunità, per favorire la trasformazione da azienda speciale a società per azioni, in Consiglio comunale cercheremo di capire le effettive responsabilità politiche e gestionali.

Autenticati