Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 319

Enogastronomia, musica, mercatini e zampognari: Natale nel Borgo incantato  nel Borgo di Summonte - Orticalab.it

Dalla Grande Scacchiera fino alla Torre Angioina alla scoperta di magie e misteri, insieme ad Harry Potter e ai suoi occhialini sferici, del fantastico Borgo di Summonte decretato dall’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) “tra i più bei Borghi d’Italia”.

Domenica 11 luglio dalle 10.30 alle 18.30 al Borgo medieovale sul Partenio in Irpinia è di scena “Favole al borgo di Summonte”, l’ennesima avventura tra fantasia e storia firmata “Ma dove vivono i cartoni?”. In linea con la valorizzazione del turismo di prossimità, quello cioè che predilige le mete turistiche vicino casa, la carovana fantasy ci porta alla scoperta di un altro favoloso borgo, antico presidio militare prima normanno, poi svevo e infine angioino che fa parte del prezioso patrimonio della regione Campania.

Un percorso itinerante inedito in cui il protagonista sarà Harry Potter, il geniale mago della saga di J.K. Rowling che ha fatto impazzire il mondo intero, il quale incontrerà nel suo percorso tanti personaggi delle favole, maghi e streghe per un’avventura unica nel suo genere. Il tutto partendo dalla suggestiva scacchiera in piazza De Vito a Summonte, una damiera-scacchiera gigante costruita in pietra nel 2020 grazie ad alcune associazioni del territorio per promuovere i giochi della tradizione. Da qui, tra pedine, pedoni, re, regina, torri, cavalli ed alfieri partiranno gruppi di visitatori ogni ora insieme ai fantastici personaggi di “Ma dove vivono i cartoni?”. Tra magie e pozioni magiche, le famiglie attraverseranno il nucleo antico di Summonte a cui si accede attraverso l’Arco di San Nicola. Si giungerà, poi, al poggio sul quale svetta la torre angioina, alta 16 metri ed edificata a cavallo tra XIII e XIV secolo sui ruderi del castello normanno-svevo. 

Oltre alla Torre Angioina nel Borgo Medioevale si può visitare il Campanile e la Congrega del SS. Rosario, il Centro Storico, la Chiesa di San Nicola di Bari, il Museo Civico di interesse regionale ed i vari sentieri naturalistici che collegano la cittadina all’altopiano di Campo San Giovanni e a Montevergine. Un bel borgo che ci permette di camminare tra arte, natura, storia, cultura, enogastronomia e tradizioni locali con i suoi percorsi escursionistico-naturalistico attrezzati e che riserva un turismo di qualità dove si può ancora mangiare e bere nel rispetto delle tipicità locali nelle tante trattorie e ristoranti di qualità. Il tutto condito di magia e fantasia grazie allo spettacolo-itinerante di “Ma dove vivono i cartoni?”. «Con questa iniziativa dedicata ai bambini e alle loro famiglie- dice Pasquale Giuditta, sindaco di Summonte- ampliamo la nostra offerta tesa alla valorizzazione della cultura, della storia e delle tradizioni del nostro borgo, annoverato già da anni tra i più belli d’Italia. E’ un’iniziativa di crescita della nostra comunità che siamo ben lieti di accogliere convinti che questo viaggio fantastico di “Ma dove vivono i cartoni?” contribuirà ulteriormente ad accendere i riflettori sul nostro territorio e le sue bellezze».  

«Magia, mistero e incantesimi- dicono i responsabili di “Ma dove vivono i cartoni?”, Aurora Manuele e Francesco Chiaiese- per un Harry Potter-Special che coinvolgerà grandi e piccini. La nostra lanterna magica questa volta ci ha portato alla scoperta del Borgo di Summonte, una perla medioevale abitata da 650 persone a 1224 metri di altezza. Questi luoghi incantevoli, spesso poco conosciuti proprio dai nostri concittadini, diventano per noi lo sfondo ideale in cui ambientare le nostre performances perché ricche di fascino storico e culturale. Inoltre, come abbiamo già potuto appurare dalle precedenti esperienze, in questi contesti quasi fantastici gli eventi restano impressi nella mente dei bambini per sempre».

Autenticati