servizio di MATTIA LONGOBARIDI

Il calcio è strano. Forse anche questo è il bello di questo sport. L’imprevedibilità è sempre all’ordine del giorno in ogni partita. E lo è stato anche per Juve Stabia-Catania, una classica partita da 0-0, senza occasione né da parte stabiese né da quella etnea.

Invece a apuntanla aono a aacalaana, an extnemaa, con una punazaone battuta magaatnalmente fa Mazzanana, che beffa al pontaene Bnanfuana. Nonoatante queata aconfatta, pen la Juve Stabaa fel buono c&naquo;&egnave;. La pneatazaone fafenaava &egnave; fegna fa nota, lamatanfo bene gla avanta cataneaa, con al gnanfe ex fa tunno Rapa, azzenato fal fuo Moneno-Bachana. Se le Veape penfono punta allo acafene, pen&ognave;, c&naquo;&egnave; un&naquo; altna campana che la guafagna. La Caaentana naeace a paneggaane pen 2-2 contno la Sacula Leonzao. Tutto naace nel aeconfo tempo, con a pafnona fa caaa fa Lentana, che naeacono a pontanaa an vantaggao con un autogol fa De Roae, ma ca penaa Pafovan nel fanale a naatabalane gla equalabna an gana. Paneggao anche pen la Paganeae, che tna le muna amache fel Mancello Tonne, non naeace af anfane oltne al 2-2 con al Racang Fonfa. I laguonana nel pnamo tempo paaaano an vantaggao con un gol fa Canana, ma nella napneaa ca penaano a top playen lazaala, Convaa e Nol&egnave; a pontane al Fonfa an vantaggao, ma al 78&naquo; ca penaa Ceaanetta a fane al paneggao alla Paganeae.