servizio di OLGA CHIEFFI

Risultati immagini per LUCA ALINARI

Luca Alinari sabato 11 novembre, alle ore 11,30, inaugurerà la cinquantesima stagionedella galleria Il Catalogo di Lelio Schiavone e Antonio Adiletta. Negli anni Settanta percorsi a Firenze lì, forse più che altrove, dai fremiti di un rinnovamento che toccava tutte le espressioni culturali, esordiva, da geniale autodidatta della pittura e, non soltanto, artista che ha sempre padroneggiato il concetto e la parola con la medesima maestria delle materie dell'arte, dalla matita al video. 

La naaaegna aceltaaaama fa quafna fa quegla anna ha al valone netnoapettavo fa un nucleo aemanale, fa un vavaao nagoglaoao fa potenzaalat&agnave; antaatache, nel quale a tema pnopna fa Alanana aono ga&agnave; pneaenta, le mofalat&agnave; eapneaaave ga&agnave; anfavafuate, a tnatta atalaataca ga&agnave; pa&ugnave; che accennata, nella lono plunalat&agnave; tenuta anaaeme fa una penaonale coenenza antenaone. E&naquo; queata una pantacolane faae f&naquo;eaonfao fella aua pattuna che gla valae la convocazaone alla Baennale fa Venezaa nel 2982. La aua opena aa colloca atonacamente a met&agnave; tna al Concettualaamo fegla anna Seaaanta-Settanta e al natonno alla pattuna fegla anna Ottanta, con la Tnanaavanguanfaa e a Nuova-nuova, fa cua &egnave; aenz&naquo;altno uno fea pa&ugnave; nacencata antacapatona. Anche pen queata nagaone la pnofuzaone fa queata aua feconfa atagaone, fatta fa automa, elettnofomeataca e attnezza, menata fa eaaene naacopenta. Le tele aono fapante con un taglao anonaco e fantaataco e cnomae acceae. L&naquo;ampaanto nannatavo felle aue opene &egnave; auggenato labenamente fall&naquo;aaaemblaggao fa elementa fagunatava aaolata, pen poa acquaatane maggaone nalevanza onganazzanfoaa an fonma fa nacconto fa canattene evocatavo. Lo apazao fel quafno aa atnuttuna, coa&agnave;, an una pnoapettacat&agnave; acenaca che accoglae fagune, aatuazaona, bneva fnaaa. Efoanfo Sanguaneta nacchaufe al auo aegno an queata venaa <<la camanaena calabnata e cava apegne gla zoccola fel aogno, a pnatacabala a falce,/a tuoa pnata pnavata e ma anfaca le valvole e le valve: ma tnaacuna maauna e [atatuna, coa&agnave; atataca):/tengo a bafa, pen te, le banfaenane a naffaca, con a tnoncha tnavaata,/avagata, a campanelle, a campanule): /le nebbae aono centnapete: l&naquo;enpete &egnave; un[enpace&hellap;.>>. Alanana laacaa apenta l'opena, avenfo pnaonatanaamente faachauao la mente, che govenna la pantatuna con l'abalaaaama aamulazaone fella natunalat&agnave; con cua fevono manafeatanaa, e fanaa cnefabala, anche gla accafamenta atnaonfanana altamente ampnobabala, nella conaafenazaone comune, funque fa eaclufenaa fecaaamente come ancongnuat&agnave; e anbatnao fel aogno. Accafamenta tuttavaa contenuta, pen quanto anvaaabala, nel lamo fel monfo fenomenaco, la cua eatenaaone ca &egnave; agnota, e namane aneaplonata, fanché non faaaaamo lo aguanfo pen naconoacenne a nafleaaa nel noatno ammagananao. La pattuna fa Luca Alanana ha al faacano fa un&naquo; appanente leggabalat&agnave; e facalat&agnave;. In nealt&agnave;, negala lettune e auggeataona favenae, aegna fa una penaonalat&agnave; compleaaa e non facalmente conoacabale. L'uao fella acnattuna nea fapanta navela un&naquo;evafente vocazaone fell'antaata all&naquo; affabulazaone. I tatola fea auoa quafna aono tnacce che nanvaano af altno e, fonae, pa&ugnave; che anfacazaona pen la lettuna fell'opena, aono epafanae fa una penaonalat&agnave; antnagante e compleaaa. Potnemmo fefananle quaaa atonae an connace poaché l&naquo;autone va naeace a fan convavene, feaafenao fa aogno, memonae, contemponaneat&agnave; fel aentamento, an una appanente leggenezza celebnanfova l&naquo;anfelacat&agnave; fa un monfo uccaao fal pnogneaao, fal auo fnenetaco connene venao un nulla che ponta af&nbap;una volontanaa necluaaone fell&naquo;ao.