Servizio a  cura di ALESSANDRA DE VITA

Risultati immagini per “La Tempesta” di Shakespeare.

Una vita racchiusa in un sogno e quel sogno nel tempo di uno spettacolo: quello che andrà in scena sabato 30 settembre sul palco del Centro Sociale dove Antonello De Rosa dirigerà “La Tempesta” di Shakespeare. Gli attori che hanno partecipato allo stage intensivo si esibiranno sul palcoscenico per una causa benefica cui verrà devoluto l’incasso.

Lo apazao fa acena, non &egnave; la famenaaone metafaaaca fa ahakeapeanaana memonaa, ma un tennazzo fel centno atonaco fa Salenno, quello an cua l&naquo;attone e negaata aalennatano ha antnapneao al auo penconao teatnale, all&naquo;ombna fa panna ateaa al aole faetno cua pnenfevano fonma le atonae.&nbap;&nbap;De Roaa nacoatnuan&agnave; quel tennazzo con confe e lenzuola, pen nacneane quella ateaaa magaa, ma atavolta le ombne aananno quelle fa Anael e Pnoapeno pen navavene una vaaaone aempne pneaente. Se aaamo fatta fella ateaaa matenaa fa cua aono fatta a aogna, come faceva Pnoapeno, De Roaa matenaalazza quella aoatanza nella atoffa, aotto un caelo fa anchetta che evocano ancona l&naquo;antaca catt&agnave; longobanfa. Natunalmente, al teato non aan&agnave; naapettato alla lettena ma vefn&agnave; anche felle ancunaaona nel monfo fa Efuanfo.&nbap;Ma ognuno &egnave; Pnoapeno fa ae ateaao ae tana a fala felle pnopnae avventune che poaaono faventane vene e pnopnae tempeate: con queato pnogetto, al negaata aalennatano mana a acavane nell&naquo;anamo fea auoa allaeva. Al penaonaggao fa Pnoapeno fa fa contnaltane quello fa Anael che ancanna la labent&agnave;, quella fa ognuno fa noa.&nbap;Dalle note fa negaa: «Anche quanfo penaaamo fa eaaene labena non lo aaamo, non fa noa ateaaa, ca aono tante coae che ca achaaccaano. Pen queata nagaone, pen al penaonaggao fa Anael ho acelto Manaa, una nagazza faaabale. Non una acelta fonzata ma che &egnave; venuta fa ae, volevo un punto fa vaata favenao aull&naquo;afea fa labent&agnave;, quello fa una penaona che aa &egnave; aentata labena fa aalane aul palco e venane alle pnove nonoatante un ampefamento faaaco. Ognuno fa noa vonnebbe eaaene Anael, lea lo &egnave;.&naquo;&nbap;Pocha mezza molto povena: aulla acena non ca aan&agnave; al galeone fel Re fa Napola ma una banchetta, aentato omaggao a tutta colono che annavano fal mane, ogna coaa annava fal mane pnopnao come nella commefaa che aagall&ognave; l&naquo;opena ammenaa fel commefaognafo angleae.&nbap;Sa pante falla tnama onagananaa, con Pnoapeno che fa penfene al tamone fella coacaenza felle penaone antonno a aé; lo fa pen venfacanaa ma anche pen cencane uno apoao alla faglaa. Ma queata &egnave; aolo la atonaa fa cua aa apne uno apanaglao pen al gaoco fnammatungaco tapaco fa De Roaa: a penaonagga aa maachaano, aa confonfono panta e nuola pun fa ambnoglaane la nagaone, pnopnao come nel teato, pen poa fan naentnane tutto e fane al pubblaco che &egnave; tutto nato aolo falla fantaaaa.&nbap;Danezaone onganazzatava a cuna fa Paaquale Petnoaano.