Risultati immagini per CINEMA

“Con il passaggio in Commissione cultura del programma triennale di interventi per l’attività cinematografica e audiovisiva, si comincia a dare concretezza alla legge sul cinema approvata qualche mese fa in Consiglio regionale”.

Lo ha detto il presidente del gruppo consiliare Campania libera, Psi e Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione cultura, sottolineando che, per il 2017, “sono stati stanziati già cinque milioni di euro solo per finanziare il programma triennale”. “Tra l’altro è stata prevista una suddivisione delle risorse per premiare i giovani artisti e le nuove produzioni” ha continuato Borrelli precisando che “la maggior parte delle risorse, il 41% quest’anno, e il 45% a partire dal 2018, sono destinate alle produzioni cinematografiche con un’ulteriore divisione che prevede l’80% delle risorse destinate a questo settore che saranno rivolte a cortometraggi, mediometraggi e veri e propri film, mentre il 15% andrà alle opere televisive, con l’esclusione delle fiction, per finire poi con il 5% indirizzato verso le opere destinate al web”. “Da evidenziare che, in caso di opere prime o seconde, ci sarà un ulteriore contributo per aiutare i giovani artisti” ha precisato aggiungendo che “in quel caso è prevista una maggiorazione del 15% o del 10%”. “Il 28,8% delle risorse sarà destinato a rassegne, festival e premi cinematografici, con una netta predilezione dei festival a cui andrà il 75% del fondo assegnato a queste attività, mentre rassegne e premi si divideranno il restante 25%” ha aggiunto Borrelli ricordando anche “il 18%, e poi il 17% dagli anni successivi, destinato al sostegno delle sale cinematografiche”. “Non mancano contributi per le associazioni impegnate per la valorizzazione a cui è destinato il 6% delle risorse stanziate” ha concluso il Presidente del gruppo consiliare Cl Psi Dv per il quale “finalmente anche gli artisti e le produzioni campane potranno contare sull’aiuto della Regione e il rinascimento di Napoli e dell’intera Campania, anche nel settore cinematografico, potrà reggersi su basi più solide”.