Le dimissioni del presidente del Collegio dei Revisori dei conti della Regione Campania, Antonio Porcaro, sono un fatto increscioso, gravissimo per l’Ente. Quello che emerge dal verbale di ben nove pagine è una gestione ‘privata’ della cosa pubblica, dove suggerimenti, indicazioni del collegio appaiono inascoltate, così come ‘alcune problematiche inerenti il collegio stesso e un’eventuale regolamentazione’. 

Ancora più grave, quando si riferisce alla ‘illegittimità dei pagamenti al Difensore civico e al Garante dei diritti dei detenuti con segnalazione alla procura regionale della Corte dei Conti”. Fatti inauditi, denunciati proprio dall’organismo che dovrebbe garantire l’imparzialità e la trasparenza dell’operato del collegio, svincolandosi da ogni possibile influenza o condizionamento da parte della politica. Prendiamo atto, pertanto, di aver votato tutti un Bilancio taroccato, che non solo mette in ginocchio la Regione, ma che riversa su tutto il consiglio gravi responsabilità erariali. Siamo sempre più lontani da un rientro dal debito, che possa consentire a questo governo, di avere, di nuovo, piena titolarità sulla gestione della Sanità. Così il consigliere regionale di Forza Italia, Monica Paolino.