Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 360

pexels photo 1759729

In diretta a ‘Barba&Capelli’, trasmissione di Corrado Gabriele in onda su Radio CRC, è intervenuto Enrico Panini, vicesindaco di Napoli: “La partecipata dei trasporti ha una tripla faccia: nei prossimi giorni, siamo fiduciosi, il giudice sbloccherà la situazione. Seppur con lentezza, cominceranno ad arrivare i treni ed ulteriori bus, tra 150-170 nuovi mezzi.
E' dal 2000 che non vengono acquistati, quindi abbiamo avuto delle difficoltà. E' ora di cambiare misura, perché i cittadini napoletani devono essere messi nella condizione di essere fieri del loro trasporto pubblico. Gli otto giorni a Nicola Pascale? Nicola indica le responsabilità di ANM e la necessità di intervenire sui trasporti. Questo lavoro lo abbiamo messo in campo. Abbiamo chiesto ed ottenuto che nelle stazioni della metro siano diffusi messaggi in merito all'utenza di un blocco. La vicenda del rischio fallimento ha determinato una sorta di sospensione, adesso bisogna recuperare velocemente. Gli otto giorni sono stati fondamentali. Asìa? Da un lato c'è un'insoddisfazione profonda sulla gestione dei rifiuti, contemporaneamente abbiamo di fronte un'azienda con 15 anni di contratto, quindi c'è la necessità di mettere in atto forze concrete. Si sta recuperando spazio e tonnellaggio, quindi massimo per domenica si recupererà tutto il tonnellaggio sulle strade e Icm ritornerà a funzionare. C'è poi un tema che riguarda gli impianti, altrimenti ogni volta si farà fronte ad un'emergenza. Come al detto il sindaco, dopo l'Epifania saremo in grado di annunciare la squadra. Noi riteniamo che l'attuale quadro regionale, a partire dal Presidente, sia un quadro insoddisfacente. Noi saremo assolutamente presenti in questa scadenza. Noi non abbiamo porte chiuse per nessuno, riteniamo che le persone espressioni di territorio siano mondi che, assieme agli intellettuali, che vanno messi in evidenza per governare la città. C'è la volontà di ricostruire un profilo in grado di dare una svolta ad una Regione che, attualmente, non ha la funzione di traino che le compete".

Autenticati