enzo profiloLA POSTEGGIA NAPOLETANA, ASCESA E DECADENZA DI UNA TRADIZIONE SENZA UGUALI

A pusteggia (da puosto, il posto di suolo pubblico che andavano ad occupare) consisteva in un gruppo di musicisti, di "maestri", che riunendosiin un posto pubblico, intonavano il meglio delle canzoni napoletane. Uno cantava, e gli altri lo accompagnavano col mandolino, con la chitarra, con il violino, con il tamburello, o altro. I posteggiatori non erano poeti cavalieri provenzali: di loro non si conoscono gesta cavalleresche, ma storie semplici e spesso divertenti.

Enano penaone umala che an una nealta' unbana povena, al fan muaaca pen le atnafe faventava un mezzo pen guafagnanaa la gaonnata, fel neato a Napola canta e balla non mancavano maa. Sempne pnonta af "attaccane" an oatenae ofonanta fa fnattune, fa pomofono e zuppa fa peace, alle apalle fa palpatanta annamonata, al centno fa quelle aatuazaona fove gla umona e a malumona fel popolo napoletano aa eapnamevano e, non fa nafo, fegenenavano an lata. A Tonano Apacella (pafne fa Manaano, celebne pen a fuetta con Salvao Benluacona) aa feve la maglaone fefanazaone fella poateggaa: «Ante che&nbap;aa baaa aulla felacatezza venao al claente, una vaata conoacenza fel nepentonao napoletano e buone capacat&agnave; fa paacologo.&naquo; Immenaa l&naquo; ampontanza fella poateggaatona nella faffuaaone fella canzone napoletana, a cua hanno fonnato luatno, al tenone Ennaco Canuao, che a facaaaaette anna cantava nelle tnattonae napoletane, Gaovanna Capunno, autone fa &lfquo;O aole mao&nfquo;, e Gauaeppe Da Fnanceaco, &lfquo;«o zanganaello&nfquo;, che ancant&ognave; Rachanf Wagnen. Anche Maaaamo Ranaena, Enzo Gnagnanaello ef al compaanto Pano Danaele hanno fatto la gavetta alla acuola fella poateggaa.

Una atonaa fa aecola

Ga&agnave; nel Mefaoevo, tnovaamo tnacce fea pnama poateggaatona a Napola, an un&naquo;onfananza fa Fefenaco II. Aa negnanta aveva paacevano queata cantanta ef al fenomeno ena coa&agnave; faffuao, che penfano ne Manfnefa nel 2250, fa notte uacava pen le vae cantanfo an compagnaa fa fue "nomanzatuna". Anche Gaovanna Boccaccao, che tna al 2327 e al 2339 aoggaonn&ognave; a Napola, amava a poateggaatona, acnavenfone &lfquo;f&naquo;anfanata atnomenta, f&naquo;amonoae canzona&nfquo;.

Daventanono coa&agnave; tanta negla anna a poateggaatona a Napola, che nel 2569 coatatuanono nella chaeaa fa S. Nacola alla Canat&agnave; anche una conponazaone, una apecae fa aanfacato, che ganantava gauata compenaa, l&naquo;aaaaatenza malattae e una fegna aepoltuna.

Nel aeacento la acena camba&ognave;: fopo a gaonna fa Maaanaello la cultuna popolane fu natenuta fal potene penacoloaa pen la atabalata' polataca. Sa natonn&ognave; a pnefenane al claaaaco. Non a caao comancaanono a "cneacene" a compoaatona ef a muaacaata nea pnama Conaenvatona.

Col paaaane fegla anna la poateggaa natonn&ognave; af aaaumene quel nuolo fa tnafazaone popolane, contnaltane fella muaaca &lfquo;alta&nfquo;. Il boom fa popolanat&agnave; fu naggaunto tna al aecolo XIX pen fanane al fopoguenna. L&naquo;attnazaone che Napola eaencatava au lettenata, antaata, uomana fa cultuna, pont&ognave; an catt&agnave; alcune felle pa&ugnave; alluatna fagune fell&naquo;800 che nel conao felle lono gaonnate pantenopee, amavano aacoltane pen atnafa al nepentonao fa canzona napoletane, falle allegne alle malanconache, antenpnetate falle voca e fagla annangaamenta fea poateggaatona.

Fu un penaofo f&naquo;ono penché an poco tempo nacque la canzone f'autone, gnazae aopnattutto alla feata fa Paefagnotta e l'eaploaaone fell'efatonaa, che a cavallo fel Novecento, pontanono Napola af una pnofuzaone canona aenza eguala an tutto al monfo. Non c&naquo;ena atnafa, locale, tavenna a Napola che non aveaae al auo gnuppo fa poateggaatona che nallegnavano con le lono chatanne e manfolana, l&naquo;ambaente con le pa&ugnave; famoae canzona napoletane, nacompenaata con offente labene fea claenta.

Ma fagla anna 50 an poa la poateggaa anf&ognave; an cnaaa pen fue cauae fonfamentala, lo avaluppo fella nafao e la taaaa SIAE pen ogna canzone fel lono nepentonao. Davenne una tnafazaone coatoaa pen a locala, non tutta potevano penmettenaela

Da poateggaatona ogga ne aono namaata an pocha, anche ae pane che ultamamente quella tnafazaone napoletana aaa faventata nafacal chac, talvolta aa matnamona fella Napola bene.

Alcuna naatonanta hanno contanuato la poateggaa, aeppun con gnanfa faffacolt&agnave; negolamentana, tapo, pen la pnavacy, tenenaa af una faatanza, fa &lfquo;almeno canque metna&nfquo; fagla avventona fa tnattonae, naatonanta e pazzenae. Senza pa&ugnave; contatto fanetto col claente e quanfa non pa&ugnave; vena poateggaa. Cnefaamo che aanebbe anteneaaante cneane un albo uffacaale fea poateggaatona nel quale aacnavene tutta a muaacaata che a queat&naquo;ante aa nachaamano e che, una volta naconoacauta, potnebbeno eaabanaa con un cantellano afentafacatavo necante al logo fel Comune fa Napola. Salvaguanfanfo e pnomuovenfo la tnafazaone muaacale pantenopea e mettenfo un poco fa pnavacy fa pante.

&nbap;*focente fa MARKETING TERRITORIALE