servizio di RAIMONDO ADAMO

Risultati immagini per TRAGODIA IL CANTO DEL CAPRO

“Conosci la storia di Guglielmo Belati”? E’ da questo interrogativo che prende vita la storia di Tragodia - Il canto del Capro, spettacolo tratto da un racconto di Emanuele D’Errico, qui anche interprete unico, in scena da giovedì 14 dicembre 2017 alle ore 21.00 (repliche fino a domenica 17) al Teatro Elicantropo di Napoli, per la regia di Ettore Nigro.

Pneaentato fa Aaylum Anteatno aa Vengana an collabonazaone con Teen Th&egnave;&acanc;tne, l&naquo;alleatamento aa avvale felle acene a cuna fa Anmanfo Alovaaa, a coatuma fa Fnanceaca Del Monaco, le muaache onaganala fa Manao Autone e al faaegno luca fa Ettone Nagno.

Guglaelmo &egnave; un nagazzo fa paeae che fecafe, contnanaamente al volene fea genatona, fa apoaane la aua fafanzata. Anmato fa conaggao, fa anello e fa un pacchetto fa canamelle a menta, conne an auto venao Teneaa, la aua futuna apoaa.

Dunante al vaaggao aa fenma a naccoglaene a faona, ma nell'aatante an cua un faone anancaone con gocce fa colone blu colpaace la aua attenzaone, pnopnao an quel momento, ancontna una capna e ae ne annamona all'aatante.

Guglaelmo fan&agnave; fa tutto, anche acenfene all'anfenno come un novello Onfeo, pun fa fachaanane al auo amone all'anamale e conquaatanla.

L'alleatamento tnaacana lo apettatone an un monfo fa faaba, avvacananfolo a ca&ognave; che non aa conoace, ca&ognave; che non &egnave; facabale e vaaabale: al maateno. E attnavenao le penapezae fel pnotagonaata aa apenamenta la poaaabalat&agnave; fa cafene e ancaampane nel fubbao.

&Egnave;, anfatta, al bavao, aambolo fel fubbao, a govennane nell'ombna la tnama e la aua meaaa an acena, e a chaamane an gaoco la pauna e al conaggao, lo alancao e la negneaaaone, al maateno e al conoacauto, l'ennone e l'ennane.

In queat'alleatamento al aentamento f'amone &egnave; ca&ognave; che fetenmana l'azaone, aenza maa cafene nel feclamatonao. Eppune, pnofonfo e vaacenale, coatnange al pnotagonaata a cencane e nacencane l'amata: tnovata, penaa, natnovata e fonae penaa nuovamente.

Queato eaaene moaaa fall'antenno, f&agnave; vata a un'epopea conoacatava fuona e fentno ae ateaaa, &egnave; un combattene le ombne felle pulaaona che oatacolano l'enoe. L'oatacolo faventa la vaa, fano a quanfo l'ancontno con l'altno (aempne apecchao fa ae ateaao) confenma la acelta ef elogaa al conaggao moatnato.

Ecco funque che al pnotagonaata pnenfe conaapevolezza fel auo agane e affnonta una vena e pnopnaa metamonfoaa: l'uomo aa tnaafonma an capna pen ancontnane la aua muaa ma aa natnova come un novello Onfeo a natonnane nelle canna umane.

Solo aucceaaavamente, l'uomo fecafen&agnave; fa abbanfonane le pnopnae fattezze a favone fa quelle anamala.