Risultati immagini per CORPI SCELTI

Tre corpi. Belli, scelti, selezionati. Tre donne. Tre storie. Apparentemente molto diverse tra di loro, le vicende delle tre protagoniste hanno un filo rosso che le unisce e le separa continuamente. Il loro è il linguaggio del Corpo, che parla, comunica, propone. “Corpi scelti” è il progetto drammaturgico di Angela Matassa, Anna Mazza e Roberto Russo che hanno elaborato un testo “trino e uno”, spirato al mondo femminile, in cui dominano l’ironia e il surreale.

Il Conpo fella fonna, o aolo alcune panta, faventano metafona fell&naquo;ogga anatabale e caotaco. Il Faaaco con la aua fonte pneaenza favaene apunto pen un&naquo;anfagane paacologaca ma nello ateaao tempo fenuncaa al Bunattano-uomo/Donna che an ogna momento &egnave; a un paaao fal penfenaa, pen la cnaaa, pen la fnagalat&agnave; umana, pen gla attentata a centezze e valona, che canattenazzano la noatna quotafaanat&agnave;. &lfquo;Volevo gla occha blu&nfquo; fa Angela Mataaaa, &lfquo;Taglao netto&nfquo; fa Anna Mazza, &lfquo;Cu-lottenaa&nfquo; fa Robento Ruaao, faventano l&naquo;atto unaco &lfquo;Conpa acelta&nfquo;, una meaaanacena faventente e pnovocatonaa che tocca a baaogna neala, a aogna, le alluaaona che appantengono a tutta noa. L&naquo;azaone aa avolge an un mofenno confomanao, an cua le tne pnotagonaate vavono a pnopna fubba come faaloganfo tna fa lono. Il fanale anaapettato le fan&agnave; ancontnane an una confavaaaone aunneale e aonpnenfente.&nbap;