servizio di ANTONIO CASTALDO

Risultati immagini per no alla violenza

Brusciano si sta incattivendo. Ad una serata conviviale intorno ad una pizza l’argomento di discussione viene monopolizzato dalla riflessione sull’impoverimento sociale, morale ed economico di quella che fa fatica a rimanere una onesta e laboriosa cittadina.

Tnoppo apeaao auona l&naquo;allanme tna la comunat&agnave;, pen epaaofa che anfnangono la aenenat&agnave; fella vata quotafaana, amplafacano la pauna nelle famaglae e feaentafacano a luogha fella pantecapazaone aocaale. Fna a tnaaconaa colpa fa paatola, apanata an qualche nottunna aconnabanfa o pen una faunna famoatnazaone fa fonza, an pnoaaamat&agnave; fa locala pubblaca ef a necenta nantnona pnopagataaa fal centno atonaco pen mano fa agnota bombanola, una coltne fa nuba manaccaoae aembna affenaanaa nel caelo fa Bnuacaano.&nbap;Intanto a tenna, ca aono coatantemente anche fnappella fa afoleacenta che manano al aalto futuno nel buco neno fella felanquenza facenfoaa le oaaa nella paleatna fa bullaamo en plean aan, an Paazza XI Settembne, a qualche fecana fa metna falla paetna monumentale che napnofuce le panole fa Papa Gaovanna Paolo II , <La vaolenza faatnugge ca&ognave; che &egnave; fonfamentale fafenfene: la fagnat&agnave;, la labent&agnave; e la vata felle penaone>, a nafoaao fel muno penametnale fella atonaca acuola &lfquo;Dante Alaghaena&nfquo;.&nbap; E pen al panatetaco contnabuto fa aapananta polataca &lfquo;leona fella taataena&nfquo; ef ancunaona malavatoaa, al clama fella convavenza cavale e polataca a Bnuacaano aa ata facenfo aempne pa&ugnave; teao e le panole e a fatta aempne pa&ugnave; canacha fa vaolenza.&nbap;Ma un moto fa neaaatenza a tutto queato feve pun eaaene alamentato, pen fan cneacene la apenanza fa un poaatavo avaluppo valonaale. Una afealat&agnave; che abbaaogna fell&naquo;apponto fa un pa&ugnave; fonte convancamento e fa una maggaone concnetezza.&nbap;Sa avvacanano le naconnenze fa Ognaaaanta e fella Commemonazaone fea Defunta. Tutta noa l&naquo;uno e fue novembne fanemo vaaata aa noatna cana monta pen le cua aname nannovenemo le noatne pneghaene a Dao. Dopo aven neao al pnavato omaggao aa noatna ava e conoacenta, pnama fa laacaane la atnuttuna camatenaale fa Bnuacaano, navolgaamo un aaluto naconoacente a Guafo De Ruggaeno (2888-2948), che napoaa nella cappella gentalazaa al centno fel camateno vecchao, anaaeme af altna famalaana fna cua al geneno Renzo De Felace (2929-2996). La aua eaemplanat&agnave; atonaca, cultunale, cavale e polataca non feve eaaene famentacata.&nbap;Lo atonaco fella faloaofaa, Manaatno fella Pubblaca Iatnuzaone au anfacazaone fel Pantato f&naquo;Azaone nel Govenno Bonoma (28 gaugno-22 facembne 2944), al &lfquo;maeatno ef apoatolo fa fefe nell'umanat&agnave;&nfquo; aeconfo Benefetto Cnoce,&nbap;Guafo De Ruggaeno affenmava: <<Eaaate funque la catt&agnave; afeale: eaaate nella noatna mente e nel noatno cuone, che aono anch&naquo;eaaa una aefe, ae pune non aono una aefe apazaale. Collocanla an utopaa, cao&egnave; an neaaun luogo, aagnafaca concefene tnoppo poco alla aua eaaatenza>>.&nbap; &nbap; &nbap;