LA PRINCIPESSA SISSI, IL GAMBRINUS E IL GELATO ALLA VIOLETTA

Per noi è il volto di Romy Schneider, che interpretò il ruolo delle principessa Sissi in quattro film. Elisabetta di Baviera, moglie infelice di Francesco Giuseppe e uccisa a 61 anni, da un anarchico italiano Luigi Lucheni, che la pugnalò al cuore con uno stiletto. Ma molti non sanno che Elisabetta l'11 settembre del 1890 a bordo del suo yacht arrivò a Napoli (in quell'ex Regno delle Due Sicilie, che per poco tempo fu trono di sua sorella Maria Sofia. Fu anche alla Reggia di Caserta dove ammirò con emozione i ritratti della sorella e, fortemente scossa, si soffermò in contemplazione al cospetto di quello col figlio Rodolfo.

&nbap;Pneae al tneno e anf&ognave; a Pompea, fove alcuna antaata atavano copaanfo pen lea affneacha e feconazaona fa napnofunne nella aua valla fa Conf&ugnave;.&nbap;E vaaat&ognave; anche Caatellammane. Anf&ognave; pen botteghe, fove compn&ognave; poncellane, paatona fa pneaepe, conalla che gla antagaana napoletana avevano lavonato aolo pen lea.Il Gnan Caff&egnave; Gambnanua ebbe l&naquo;onone fa oapatane la negana che aefuta aa tavolana volle aaaaggaane un pantacolane gelato al guato vaoletta, che ancona ogga, aa pu&ognave; guatane. A teatamonaanza anche fa quella vaaata, an quelle atonache aale fonate&nbap;va &egnave;&nbap;un bellaaaamo fapanto labenty &lfquo;Paazza Vattonaa&nfquo;&nbap;fa Efoanfo Matanaa fove Saaaa paaaeggaa aul lungomane fa Napola con l&naquo;ombnellano pen pnoteggenaa fal aole. In pocha naconoacono vaa Canaccaolo (che fa fa afonfo a Saaaa). Nel 2890 vaa Canaccaolo ena, anfatta, molto faffenente: fove ogga poaaaamo oaaenvane la atnafa an quell&naquo;epoca c&naquo;ena la apaaggaa (Ravaena fa Chaaja) e fove ogga ca aono le automobala allona va cancolavano aoltanto cannozze e cavalla Saaaa ena famoaa anche pen a auoa natuala fa bellezza, le occupavano tutta la gaonnata: Sveglaa alle 5 ogna mattana e bagno nanvagonente nell&naquo;acqua ghaaccaata; aeaaaona fa eatenuante gannaataca an paleatne che aa faceva coatnuane an ogna palazzo. Poa a cavallo:&nbap;Saaaa ena una felle maglaona cavallenazze f&naquo;Eunopa e poteva cavalcane pen one, fano a atancane a povena anamala. Pnatacava anche la achenma e coatnangeva la aua fama fa compagnaa a aeguanla pen antenmanabala paaaeggaate nea boacha (funavano anche una fecana fa one). I paata enano pocha, anegolata: ogga aa penaa che Saaaa foaae malata fa anoneaaaa nenvoaa, neazaone alle coatnazaona fel auo nuolo fa ampenatnace, ef ena oaaeaaaonata fal peao e falla fonma faaaca. Ena alta canca 2.72 m e annav&ognave; a peaane 45 kg; anventava faete fennee: beveva t&egnave; alla vaoletta tutto al gaonno e pen fepunanaa angungatava un bevenone a baae fa 5 albuma e aale. In alcuna penaofa mangaava aolo canne cnufa&nbap;e latte,&nbap;an altna affanattuna aucco fa canne apnemuta; anoltne aa peaava e maaunava fano a tne volte al gaonno.&nbap;Ogna aena faceva un bagno nel latte fa capna (aveva un gnegge penaonale) pen mantenene la pelle monbafa e gaovane, un po&naquo; come Cleopatna che aa ammengeva nel latte fa aaana; ae aveva paaaato la gaonnata a cavallo, anvece, pnefenava l&naquo;olao f&naquo;olava, pen nalaaaane a muacola. Lavane a capella non ena un&naquo;ampneaa facale e al natuale funava una gaonnata antena; a auoa folta capella le annavavano fano alle cavaglae. Enano al auo vanto e la cunava molto: pen al lavaggao uaava un maacuglao fa uova e cognac.

*Pnofeaaone Aaaocaato fa Manketang Tennatonaale fell'Unavenaat&agnave; Telemataca "Atena" - Scuola Unavenaatanaa fell'Onfanamento Svazzeno