Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 494

Risultati immagini per milano fashion week backstage

di FRANCESCA ANZANI CILIBERTI

Settembre ha chiuso i battenti già da un po' portando via con se la bella stagione e non solo. I riflettori si spengono e nonostante l’odore di lacca sia ancora forte nei backstage l’unica cosa che resta è il bagaglio di conoscenze su quel che è d’obbligo indossare nella prossima spring-summer 2020 e quindi non resta che prendere appunti.

Le tendenze ci vogliono iper-femminili avvolte in tessuti leggeri quasi impalpabili, tra sete e chiffon, in abiti carichi di trasparenze, con spacchi pronunciati e giochi di sovrapposizioni a creare l’effetto vedo-non vedo. Via libera alle fantasie in un tripudio di colori accesi e tinte pastello: dallo stile selvaggio, quasi ribelle ma pur sempre aristocratico di Etro al forte richiamo alla foresta con i vestiti in stampa animalier di Dolce e Gabbana sino ad arrivare a Versace con i suoi rimandi ai paesaggi tropicali, portando in passerella la rivisitazione dell’iconico Jungle Dress nato nel 2000, indossato da Jennifer Lopez oggi con la stessa disinvoltura di allora. Oltre al minimalismo di Prada e ai completi sartoriali di Max Mara in perfetto stile “90” tra spalline voluminose, cravatte e gilet, per Missoni è un back to Seventies; Ritornano in auge gli anni della febbre del sabato sera, dello studio 54, di Jane Birkin tra maxi dress, gonne morbide con fantasie floreali, glitter su giacche in maglia e camicie dai colletti allungati. I sempreverdi: abiti, cardigan e giacche crochet, la fantasia check che abbiamo visto essere protagonista della stagione invernale ma che si ripropone in toni più chiari e neutri, la rafia per accessori, borse e abiti e infine la jacquard mania. Per gli accessori vige il gioco degli opposti: alle microbag da polso grandi quanto portamonete si contrappongono gioielli XXL. I secchielli presentati in pelle, rafia o corda sono le borse più amate dalle grandi maison. Inoltre l’arrivo della bella stagione non può non prevedere un piede scoperto avvolto in sandali da urlo, da quello intrecciato azzurro di Bottega Veneta a quello alla schiava con lacci extra large di Versace. Le proposte di stagione li vogliono ultra femminili, delicati e raffinati. Assistiamo ad un quasi abbandono delle chunky shoes amate follemente nelle passate stagioni persino sotto tailleur e abiti eleganti poichè a rubargli la scena nella spring/summer 2020 saranno le ballerine. Simbolo di eleganza e raffinatezza, accanite sostenitrici del “camminar sano”, scendono in passerella con linee affusolate semplici e o arricchite di fiocchi, strass e cinturini alla caviglia. Non mancheranno mocassini, dècolletè da portare con i gambaletti e gli stivali, immancabili anche nella calda stagione in quanto comodi, spregiudicati e super sexy!

Street style diktat: Dalla bike shorts mania si passa alla passione - bermuda e ai microshorts di jeans o in raso , extra corti, super sgambati, ultra glam!

Chicca di stagione: il trench coat - dresses

Autenticati