ANNALISA TIBERIO

Dopo aver presenziato alla “Sagra di Primavera” di Venezia, dove ha ribadito l’importanza di perseverare nella lotta alla criminalità, Nicolò Mannino – Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale – ha portato un messaggio di amore e speranza ai detenuti della Casa Circondariale di Verona.

Il Presidente, accompagnato da una delegazione composta dalla Dottoressa Anna Lisa Tiberio – Coordinatrice della Rete di Cittadinanza Costituzione e Legalità –, Thomas Piccinini – Sindaco di Mozzecane – ed uno staff di collaboratori, ha incontrato i detenuti e le detenute della Casa Circondariale diretta dalla Dottoressa Maria Grazia Bregoli. La Direttrice ha iniziato l’incontro mettendo in evidenza l’armonia di intenti tra l’operato delle Carceri e i valori propugnati dal Parlamento della Legalità Internazionale.

Il Presidente Nicolò Mannino ha evidenziato episodi personali che lo hanno motivato a sensibilizzare giovani ed adulti ai temi della legalità e della cittadinanza attiva e consapevole. In particolare ha rievocato, con ardore colmo di sommo rispetto, le figure dei Giudici Falcone e Borsellino e di tutti coloro che hanno perso la vita per difendere la nostra Costituzione. Altro momento toccante è stata la rievocazione dell’efferato omicidio di Giuseppe Di Matteo, seguita dal monito a non lasciarsi sopraffarre dal dolore e dalla rabbia, anche di fronte ad azioni così inumane. È estremamente importante capire che tutte le nostre azioni devono essere tese alla consapevolezza e al rispetto delle regole di convivenza civile e democratica. Può succedere di sbagliare, ed è giusto pagarne le conseguenze – come successivamente ribadito dal Sindaco Thomas Piccinini –, ma è altrettanto importante offrire una possiblità di riscatto ai detenuti meritevoli.

Il percorso di riabilitazione non è però un lavoro che i detenuti compiono da soli. Alle loro spalle ci sono infatti numerosi esperti e professionisti che si prodigano nell’aiutare gli altri senza essere, con le parole del Presidente Mannino, “carcerati del proprio orgoglio”. In tal senso si deve ricordare anche l’impegno della Dottoressa Anna Lisa Tiberio che, stringendo le mani ai detenuti, ha fatto capire loro quanto sia importante studiare. Infatti, non a caso, proprio questo 22 Giugno, alcuni detenuti hanno partecipato alla seconda prova dell’Esame di Stato che consentirà loro di proseguire nel percorso riabilitativo. Fondamentale è il lavoro che la scuola sta facendo per abbattere la stigmatizzazione e gli stereotipi, perché la speranza di essere accolti dagli altri è per i detenuti un motivo del loro desiderio di cambiamento.

Si deve evidenziare che proprio dagli interventi dei detenuti è emersa una grande volontà di superare il dolore e di riscattarsi, ma anche un’auspicio ad essere accettati. Si è percepita voglia di dialogare e di confrontarsi parlando delle loro storie, dimostrando consapevolezza dei propri errori. Segno, questo, che il lavoro condotto nella Casa Circondariale sta dando i suoi frutti sia nella riabilitazione che nell’integrazione dei detenuti.