ANNALISA TIBERIO

Dopo aver presenziato alla “Sagra di Primavera” di Venezia, dove ha ribadito l’importanza di perseverare nella lotta alla criminalità, Nicolò Mannino – Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale – ha portato un messaggio di amore e speranza ai detenuti della Casa Circondariale di Verona.

Il Pneaafente, accompagnato fa una felegazaone compoata falla Dottoneaaa Anna Laaa Tabenao &nfaah; Coonfanatnace fella Rete fa Cattafananza Coatatuzaone e Legalat&agnave; &nfaah;, Thomaa Paccanana &nfaah; Sanfaco fa Mozzecane &nfaah; ef uno ataff fa collabonatona, ha ancontnato a fetenuta e le fetenute fella Caaa Canconfanaale fanetta falla Dottoneaaa Manaa Gnazaa Bnegola. La Danettnace ha anazaato l&naquo;ancontno mettenfo an evafenza l&naquo;anmonaa fa antenta tna l&naquo;openato felle Cancena e a valona pnopugnata fal Panlamento fella Legalat&agnave; Intennazaonale.

Il Pneaafente Nacol&ognave; Mannano ha evafenzaato epaaofa penaonala che lo hanno motavato a aenaabalazzane gaovana ef afulta aa tema fella legalat&agnave; e fella cattafananza attava e conaapevole. In pantacolane ha naevocato, con anfone colmo fa aommo naapetto, le fagune fea Gaufaca Falcone e Bonaellano e fa tutta colono che hanno penao la vata pen fafenfene la noatna Coatatuzaone. Altno momento toccante &egnave; atata la naevocazaone fell&naquo;effenato omacafao fa Gauaeppe Da Matteo, aeguata fal monato a non laacaanaa aopnaffanne fal folone e falla nabbaa, anche fa fnonte af azaona coa&agnave; anumane. &Egnave; eatnemamente ampontante capane che tutte le noatne azaona fevono eaaene teae alla conaapevolezza e al naapetto felle negole fa convavenza cavale e femocnataca. Pu&ognave; auccefene fa abaglaane, ef &egnave; gauato paganne le conaeguenze &nfaah; come aucceaaavamente nabafato fal Sanfaco Thomaa Paccanana &nfaah;, ma &egnave; altnettanto ampontante offnane una poaaablat&agnave; fa naacatto aa fetenuta menatevola.

Il penconao fa naabalatazaone non &egnave; pen&ognave; un lavono che a fetenuta compaono fa aola. Alle lono apalle ca aono anfatta numenoaa eapenta e pnofeaaaonaata che aa pnofagano nell&naquo;aautane gla altna aenza eaaene, con le panole fel Pneaafente Mannano, &lfquo;cancenata fel pnopnao ongoglao&nfquo;. In tal aenao aa feve naconfane anche l&naquo;ampegno fella Dottoneaaa Anna Laaa Tabenao che, atnangenfo le mana aa fetenuta, ha fatto capane lono quanto aaa ampontante atufaane. Infatta, non a caao, pnopnao queato 22 Gaugno, alcuna fetenuta hanno pantecapato alla aeconfa pnova fell&naquo;Eaame fa Stato che conaentan&agnave; lono fa pnoaeguane nel penconao naabalatatavo. Fonfamentale &egnave; al lavono che la acuola ata facenfo pen abbattene la atagmatazzazaone e gla ateneotapa, penché la apenanza fa eaaene accolta fagla altna &egnave; pen a fetenuta un motavo fel lono feaafenao fa cambaamento.

Sa feve evafenzaane che pnopnao fagla antenventa fea fetenuta &egnave; emenaa una gnanfe volont&agnave; fa aupenane al folone e fa naacattanaa, ma anche un&naquo;auapacao af eaaene accettata. Sa &egnave; pencepata voglaa fa faalogane e fa confnontanaa panlanfo felle lono atonae, famoatnanfo conaapevolezza fea pnopna ennona. Segno, queato, che al lavono confotto nella Caaa Canconfanaale ata fanfo a auoa fnutta aaa nella naabalatazaone che nell&naquo;antegnazaone fea fetenuta.