Risultati immagini per LEGITTIMA DIFESA

E’ uno stillicidio. Quasi ogni giorno, gli organi di informazione, danno notizie di  rapine, di cittadino inermi brutalmente uccisi da criminali, di gravissimi reati a danno di persone e cose. Delinquenti che con spavalderia, rendono la vita di tanti cittadini onesti, in condizioni di pericolo quotidiano.

Da ultimo,  nel bolognese, un barista disarmato, è stato freddato davanti alla moglie, per aver reagito  a una rapina. – Così ha dichiarato il Presidente Nazionale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO., Antonio de Lieto - Alla Camera, giacciono 4 proposte di legge  relative alla “legittima difesa”. E’ necessario allargare  i casi  di non punibilità di cittadini  costretti a difendersi da attacchi di criminali o dalla intrusione di delinquenti, nel proprio domicilio.”Eccesso di legittima difesa” è l’accusa, molte volte, per cittadini, anche  in possesso di regolare porto d’armi, che reagiscono ad aggressioni criminali o delinquenziali. E’ necessario – ha continuato il Presidente del LI.SI.PO. - valutare lo stato d’animo di chi viene aggredito, minacciato o vede in pericolo i propri cari. E’ impensabile che si possa valutare esattamente, con il  “bilancino” la proporzionalità della reazione  di chi si vede in pericolo. A giudizio del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.), chi si introduce nell’abitazione altrui o minaccia con armi una persona, deve mettere in conto, la possibilità di una forte reazione dell’aggredito o del proprietario dell’alloggio violato. Modificare con urgenza la “Legittima difesa”  ed estendere  i casi e le situazioni di non punibilità, per le vittime di aggressioni armate o non armate. Troppi  cittadini onesti condannati, penalmente o civilmente, per aver reagito ad azioni criminali: E’ giusto – ha concluso de Lieto - che il Parlamento faccia subito la sua parte.