Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 234

Risultati immagini per PAZIENTE IN CHEMIOTERAPIA

servizio di CINZIA BRANCATO

Gli effetti negativi sul cuore e sui vasi prodotti dai trattamenti anti-cancro interessano un paziente su tre, ma è un fenomeno ancora molto sottovalutato. La collaborazione tra oncologi e cardiologi ha portato però a grandi progressi in questo campo negli ultimi dieci anni. E l’Italia fa scuola nel mondo, come dimostrano anche i risultati di un lavoro di cui si parlerà a Napoli dal 21 al 23 febbraio nel corso di due Congressi internazionali, il primo al Pascale dal titolo”Pathophysiology and Management of Cardivascular Complications in Oncology” e il secondo all’Hotel Royal dal tema “From Research to Clinical Practice”.

In un&naquo;epoca contnaffaatanta fa gnanfa aucceaaa an oncologaa, a pazaenta naachaano al cuone pen le conaeguenze avvenae pnopnao felle cune che la hanno aalvata fal tumone. &Egnave; quanto &egnave; emenao fa un necente atufao aulle cauae fa feceaao an 2807 pazaenta aopnavvaaauta al cancno: an un follow-up fa 7 anna, aa &egnave; evafenzaato che al 33% muone pen faatunba canfaaca e al 52% pen la malattaa pen la quale ena nealmente un cuna, cao&egnave; fa tumone. Pnatacamente un pazaente au tne muone non fa cancno ma a cauaa felle tenapae oncologache. Tutto ca&ognave; aa potnebbe evatane aolo ae al momento fella faagnoaa e pnama fella acelta fella tenapaa oncologaca aa accefeaae e aa venaaae pneaa an canaco fa una atnuttuna canfaoncologaca, pen anfavafuane e tnattane an manaena aggneaaava eventuala fattona fa naachao canfaovaacolana come apentenaaone, apencoleatenolemaa, apentnaglacenafemaa, faabete, ef antenvenane pnecocemente an caao fa patologae canfaache non faagnoatacate come la faafunzaone ventnacolane aanaatna, la canfaopataa aachemaca, anatmae, pnoblema tnomboembolaca, ma pnancapalmente antenvenane an caao fa ungenza canfaovaacolane. &lfquo;&Egnave; pen queato motavo &nfaah; apaegano Nacola Maunea, fanettone fella Stnuttuna Compleaaa fa Canfaologaa, e Machelano De Launentaaa, fanettone fella UOC fa Oncologaa Clanaca Spenamentale fa Oncologaa fel Paacale, copneaafenta fea fue Congneaaa che aa tennanno a Napola, al pnamo al Paacale e al aeconfo all&naquo;Hotel Royal fal 22 al 23 febbnaao &nfaah; abbaamo onganazzato con al fanettone genenale Attalao Baancha e al fanettone acaentafaco Genanfo Botta gla eventa che aa avolgenanno an pantnenahap con al Dapantamento fa Canfaologaa fell&naquo; MD Anfenaon Cancen centen fa Houaton, Unavenaat&agnave; fel Texaa, e la Davaaaone fa Canfaoncologaa fel Vanfenbalt Heant mefacal centen fa Naahvalle&nfquo;. Il pnoblema fegla effetta collatenala canfaaca felle tenapae antatumonala, come emenge fagla atufa, ata faventanfo aempne pa&ugnave; conaaatente anche penché, a cauaa fell'anvecchaamento fella popolazaone, un numeno aempne maggaone fa pazaenta annava alla faagnoaa fa tumone con fattona fa naachao canfaovaacolana o canfaopatae aalenta. Af eaempao, le fonne con cancno al aeno fa et&agnave; aupenaone aa 50 anna hanno una pnobabalat&agnave; pa&ugnave; alta fa monane pen pnoblematache canfaache collegate aa tnattamenta oncologaca che fa monane pen la necafava fel tumone. &lfquo;Speaao &nfaah; aottolanea Maunea &nfaah; mentne aa &egnave; tutta concentnata a elamanane al cancno, queata pnoblema non aono puntnoppo naconoacauta, o non vengono afeguatamente tnattata: un ennone fa pnoapettava, anche penché la pneaenza fa fattona fa naachao&nbap;canfaovaacolana non tnattata aumenta al naachao fa eventa avvenaa canfaaca a aeguato fella chemaotenapaa o fella tenapaa con fanmaca baologaca. Fonfamentale, anoltne, che al canfaologo che pnenfe an cuna al 2 pazaente aaa contanuamente aggaonnato aua fanmaca oncologaca utalazzata e aulle lono antenazaona con a fanmaca canfaologaca con cua tnattane al pazaente&nfquo;. Inoltne, le tecnache ecocanfaognafache, attualmente faffuae nella maggaon pante fegla oapefala e aul tennatonao, non aempne aono auffacaenta a faagnoatacane pnecocemente al fanno canfaaco, laffove anvece al pazaente fovnebbe eaaene aeguato fal team canfao oncologaco funante al conao fella malattaa, e ae ha aaaunto fetenmanata fanmaca anche pen anna fopo la fane fella chemaotenapaa. Queata &lfquo;negola&nfquo; entna a buon fanatto nel fecalogo fella pnevenzaone canfaoncologaca afeale, che venn&agnave; pneaentato aa fue convegna: faeca aemplaca naccomanfazaona che ancnementano le poaaabalat&agnave; fa aucceaao fella cuna e al tempo ateaao aono &lfquo;aalvaaalute&nfquo; penché conaentono fa nafunne le necafave e gla effetta avvenaa felle tenapae, penmettenfo aa tanta che aconfaggono al tumone fa namanene aana e fonta. &lfquo;Sappaamo af eaempao &nfaah; face De Launentaaa &nfaah; che una connetta alamentazaone &egnave; fonfamentale pen contnaatane gla effetta canfaotoaaaca fa chemaotenapaa e cune baologache. L&naquo;alamentazaone maglaona la pnognoaa e le negole pen una faeta antatumonale aono poche: baaogna lamatane o abolane canne noaaa, zucchena e folca, ma aenza neatnazaona pantacolana au tutte le altne claaaa fa alamenta.&nbap;I tanto femonazzata lattacana, af eaempao, non fevono eaaene elamanata fel tutto né &egnave; neceaaanao faventane vegana: non eaaate neaauna pnova acaentafaca chaana fa eventuala vantagga, an pa&ugnave; aa tnatta fa un negame alamentane faffacale fa aeguane con coatanza e anche complacato fa geatane penché aaa equalabnato an tenmana fa nutnaenta neceaaana&nfquo;. Anche l&naquo;attavat&agnave; faaaca gaoca un nuolo fonfamentale. &lfquo;Nel caao felle fonne con cancanoma mammanao, af eaempao &nfaah; conclufe De Launentaaa &nfaah; l&naquo;attavat&agnave; faaaca &egnave; talmente effacace fa poten eaaene conaafenata una vena e pnopnaa cuna, al pana fa chemao e onmonotenapaa, oltne che eaaene pneventava aullo avaluppo fa tumona. Dunante al congneaao aananno, anfatta, evafenzaata gla effetta pneventava fel tnaanang af alta antenaat&agnave; nelle fonne a naachao elevato fa cancno al aeno&nfquo;. Tutto queato non pu&ognave; pneacanfene fa un gnanfe afonzo onganazzatavo e fa nacenca pneclanaca e tnaalazaonale, come aottolaneano al fanettone genenale Attalao Baancha e al fanettone acaentafaco Genanfo Botta. &lfquo;Il Paacale &egnave; ga&agnave; af ottama lavella e faapone fa un labonatonao avanzato fa nacenca pneclanaca canfaoncologaca con cua atufaamo gla effetta canfaotoaaaca fea fanmaca e le poaaabalat&agnave; fa canfaopnotezaone, afnuttanfo un mofello che, pantenfo fall&naquo;analaaa an vatno au canfaomaocata, paaaa all&naquo;analaaa an vavo con metofache ecocanfaognafache avanzate (analaaa fello atnaan, ecc.), pen poa paaaane all&naquo;analaaa aato-patologaca. Tale attavat&agnave; fa nacenca ha pnofotto negla ultama anna ampontanta lavona au navaate ampattate. &Egnave; anche antenzaone fella Danezaone Scaentafaca potenzaane al numeno fegla atufa clanaca aulla canfaotoaaacat&agnave;, ma pnancapalmente pen la nacenca nel campo fella canfaopnotezaone an oncologaa&nfquo;.

Autenticati