a cura di DON GIGI PINI

L'immagine può contenere: 1 personaIn quel tempo, Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno.
Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va’ dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».
Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà.
Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita?
Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni».

Attenzaone: non &egnave; obblagatonao anfangla faetno !!!&nbap;&lfquo;Se qualcuno vuole&hellap;&nfquo; : &egnave; una noatna labena acelta.Ma&hellap;c&naquo;&egnave; un &lfquo;ma&nfquo; che ma mette con le apalle al muno&hellap;nel aenao che ae &lfquo;voglao anfangla faetno&nfquo; non poaao fane come cavolo voglao, non poaao cao&egnave; fanma gla affana maea, non poaao &lfquo;acanacane&nfquo; la maa cnoce.Al contnanao &lfquo;ae voglao anfangla faetno&nfquo; fevo fanma canaco fella maa cnoce !!!&nbap;Ma coaa ata facenfo?&nbap;Ma quale cnoce ?Tnanqualla&hellap; la &lfquo;cnoce&nfquo; &egnave; aempne aolo e aoltanto l&naquo;anaaeme fea gaonna fella maa vata che aono fentno a queato «tempo&naquo;, an queato «tennatonao&naquo;&hellap;e cao&egnave; queato &lfquo;pneaente&nfquo; che ga&agnave; afeaao coatnuaace al &lfquo;futuno&nfquo;.Lua ma ata facenfo che ae voglao anfangla faetno ( &lfquo;&hellap;pnenfa la aua cnoce e ma aegua&hellap;&nfquo; ) fevo «cammanane con Lua « a gaonna fa queata maa vata :fevo guanfanla an faccaa e coatnuanla ma aul Suo aentaeno, au quella «atnafa&naquo; che Lua &egnave; venuto a anfacanca e a fanle una pnoapettava fa Reaunnezaone nell&naquo;Amone.I gaonna fel vavene non aono aempne facala e ogna epoca ha fentno le aue guenne, le aue annoganze, le aue cnaaa&hellap;ma fentno ca aono anche a aogna, a aucceaaa, la gaoaa e la felacat&agnave;.Tutto queato Lua ma chaefe fa vavenlo anfanfogla faetno, pnenfenfo la Sua Panola come atale fell&naquo;anfane, atale fel aognane, atale fel neagane, atale fell&naquo;Amane.Ca chaefe fa paantanla fa fanca a comofa noatna ( &lfquo;&hellap;aalvane la pnopnaa vata&nfquo; ).Attenzaone: non &egnave; obblagatonao.Devo aceglaene ao, ao fevo fecafene fa &lfquo;penfenma an Lua&nfquo;.La concluaaone &egnave; la Raaunnezaone ga&agnave; afeaao, Luce e Calfo ga&agnave; afeaao&hellap;cao&egnave; Amone, ga&agnave; afeaao.