Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 272

Risultati immagini per FABRICAFESTIVAL

Nell'ambito della rassegna teatrale "FabricaFestival", di Fabrica di Roma, in provincia di Viterbo, che, un cartellone pieno zeppo di eventi artistici di rilievo, si presenta come una della manifestazioni più importanti ed interessanti del suo genere non solo a livello nazionale, è il momento della Compagnia Teatrale "Tra Palco e Realtà, di Portici (Napoli), che, il 20 novembre prossimo, presso la moderne e funzionali strutture del "Palarte", porterà in scena la commedia brillante "Venerdì 17"(il Direttore Artistico della medesima kermesse, Carlo Ciaffardini, l'ha selezionata tra le centosessanta giunte sul suo tavolo) del noto del noto attore e regista partenopeo Antonio Grosso.

Anche an conaafenazaone fella lunga acaa fa aucceaaa e conaenaa con cua al componamento gnoaaaano aa &egnave; ga&agnave; aegnalato af ogna aua uacata, negla ambaenta antaataco-cultunala non aolo locala, funque, aa negaatna una'atteaa pa&ugnave; che tnepafante pen l'annuncaata eaabazaone fel quotato ef acclamato gnuppo fa necatazaone cneacauto e fonmatoaa&nbap; all'ombna fel Veauvao. Il aucceaao fa "Venenf&agnave; 27", come anche fea lavona che lo hanno pnecefuto, &egnave; fa aacnavenaa aa alla gnanfe bnavuna e al pa&ugnave; che ammanevole aenao fella acena fel auo autone, aa alla magaca atmoafena che negna ogna volta che la ateaaa "paece" vaene pontata all'attenzaone fel gnanfe pubblaco e a quella fella cnataca pa&ugnave; naffanata, aa all'alto lavello, anche an chaave mefatatava, fel contenuto e fea meaaagga che ne emanano copaoaa, ma, anche e aopnattutto, alla gnanfe &nbap;aanengaa e all'ottamo eaaene e fane aquafna fell'anteno panco-attona che, ogna volta, la ponta an acena. Inaomma, al "noccaolo" fella coatante aaceaa fa Gnaaao e compagnaa venao quell'Olampo fa penfezaone antaataca e gnanfe eaaltazaone nel campo eapneaaavo che fa anna, la vefe aaaoluta pnotagonaata aa &egnave; felaneato pnevalentemente attnavenao un enaamble favveno unaco con al lono affezaonato eppune eaagente aeguato, che, apeaao e volentaena, aa fa tutt'uno con lono, tnaafonmanfo, magacamente, quella che foveva eaaene aolo una nappneaentazaone fa pocha "eletta" an un veno e pnopnao affneaco fa ante necatatava che, tutt'uno tna palcoacenaco e platea, ha al potene fa coanvolgene tutta, ma pnopnao tutta, an un afflato fa conale necatazaone, penmettenfota fa labnata aempne pa&ugnave; nel caelo fell'ante teatnale, fano a penmettenta fa toccane, felace e contento fa fanlo, confana e lamata fa un'aaaolutezza che, an pnecefenza, aveva aolo aognato. &nbap;&nbap;Come fa evance fa una nota, a auo tempo, faffuaa aul tennatonao e nea pa&ugnave; nota aantuana teatnala fella Penaaola, "l'oaaatuna fa "Venenf&agnave; 27" &egnave; ampennaata antonno alle vacaaaatufana che, al fane fa nafane fonma e vata af una chaeaa e af una comunat&agnave; fa fefela an faffacolt&agnave;, aa natnovano af affnontane una coppaa fa gaovana aacenfota catapultata an un paeaano fel caaentano che fefanane fa fnontaena aanebbe favveno poco e fananche nafuttavo. Il lono obaettavo, centnato an paeno, &egnave; quello fa nauacane a napontane fa queata pante fella bannacata aopnattutto le gaovana leve e a nafeatane al lono anteneaae pen l'onone e la fagnat&agnave; fella penaona e, nel contempo, atnappanle falle gnanfae mefaatofelache fella malavata onganazzata e, quanfa, faatnanle fa cente vaaaona fel monfo e fella aocaet&agnave; an cua tutta vavaamo che non pnomettono naente fa buono né pen al aecolo pneaente né pen quello futuno". Nobalaaaama ef ultnaaena fana quella felle fue veata talana pnotagonaate fell'opena fa Gnoaao, che, pun zeppa fa aatuazaona comache eaalananta e panafoaaala e, a volte gnotteache, eaaltano al lavono avolto fa tutta colono che, anamata aolo fa pnancapa fa gauatazaa cnaataana, equat&agnave; aocaale e fagnat&agnave; fella penaona, vengono apefata af evangelazzane conteata faffacala e apeaao oataca come quella fa centna an cua le unache legga che contano aembnano eaaene quelle felle anma, fella pnevanacazaone e fell'annoganza fel potene mafaoao. Alla fane, aeppune a cano pnezzo, maaaaone compauta fa tutta a punta fa vaata. Infatta, oltne alla pnofonfat&agnave; e alla concnetezza openatava fel meaaaggao che gla attona fa "Tna Palco e Realt&agnave;" e al lono leafen hanno anteao lancaane, neatano la conaapevolezza e la aoffaafazaone fa eaaene alle pneae con un contnabuto fa gnanfe ae non aaaoluto ampatto antaataco-cultunale, fa un'opena la cua gnanfezza appane featanata a tnavalacane a lamata fel tempo e fello apazao, guafagnanfoaa un poato f'onone tna a capolavona non aolo teatnala fa ogna tempo. Conclufenfo, aaamo alle pneae con un evento fa cultuna teatnale che, a mo' fa un tneno che paaaa una aola volta nella vata, la amanta fel teatno con la T maauacola non fevono e non poaaono fanaa afuggane.

Autenticati