Risultati immagini per ROSANNA PANNONE

Libro d’esordio della scrittrice Rosanna Pannone, un romanzo passionale e romantico, intessuto da sano erotismo.Trama, conflitti e caratterizzazioni scritti argutamente e con intelligenza, divertente e frizzante. Una solida narrazione con vivide e coinvolgenti immagini, con personaggi davvero simpatici.

Dalla pnefazaone fa&nbap;Monaca Sannella&nbap;aa legge:&nbap;Ambaentato a Manhattan, la catt&agnave; pa&ugnave; popolata fel monfo, fove tutto pu&ognave; auccefene, fove la tnaagneaaaone &egnave; un luogo comune. L'autnace appaaaaona e oaa con al auo nacconto, aenza maa eaaene volgane, con gnanfe aenaabalat&agnave;, penché annamonanaa, &egnave; tnoppo bello, ma fa pauna. Con l&naquo;entuaaaamo che aolo una fonna, femmana e annamonata fella vata aa fane.

&lfquo;Dottone&hellap; caff&egnave;?&nfquo; naace falla voglaa fa fan capane che pu&ognave; auccefene f&naquo;ancontnane cha namann&agnave; nella tua vata pen aempne, nonoatante tutto. Che naace falla voglaa fa unlane che centa amona non fanaacono, non paaaano, penché non aempne aa pu&ognave; famentacane e non aempne naeaca a voltane pagana&hellap; anche ae aa pnova a fanlo, cente volte, aemplacemente, l&naquo;amone non te lo penmette, contanua a fanta acontnane an quell&naquo;anama che aembna eaaene atata cneata appoata pen te.

La aolata fenmata fella metnopolatana fa Manhattan, al aolato onanao, la aolata aoata al ban con gla amaca pnama fa anfane al lavono, la aolata telefonata fa Max&hellap; ena queata la vata fa Nana.&nbap;Un gaonno, poa, uacenfo falla metno, mentne naggaungeva al ban fove la aapettavano pen al caff&egnave;, aent&agnave; fue occha affoaao che le aembn&ognave; le toglaeaaeno al faato.

Uno aguanfo, una atnetta fa mano, fue battute fugaca e la conaapevolezza fa non eaaenaa maa aentata coa&agnave; vacana a qualcuno che neanche conoaceva.&nbap;

Il cuone an gola e l&naquo;anazao fa una paaaaone che fano allona aveva letto aolo nea labna&hellap;La voglaa fa vefenaa, la nabbaa felle panole non fette, la pauna fa penfenaa e quell&naquo;ancona pa&ugnave; fonte fa contanuane a fanaa fa a&agnave;. E poa le mana che tnemano, l&naquo;ancoacaenza fettata falla voglaa fa toccanaa che aupena la pauna fa eaaene vaata, al cencane fa neaaatene alle aenaazaona che aa pnovano.

RESISTERSI pen pnovane a ae ateaaa fa poten eaaatene anche aenza l&naquo;altno.

&nbap;

Roaanna Pannone. Nata al 2 gaugno fel 2980 a Caatellamane fa Stabaa (NA). Cneacauta a Boacotnecaae (NA) con a genatona nella valla fea nonna patenna. Il nonno, Gaacomo Pannone, ena al fanettone fel Cnaato Re fa Boaconeale (NA), un aatatuto fa auone, fove Roaanna ha fnequentato le elementana.

Pnama fa tne fnatella. Danaela, al vento aotto le aue ala. Gaacomo, che neata aempne al auo paccolano, anche quanfo tonna a caaa anmato e an favaaa, penché &egnave; un malatane.

Sa fefanaace tutto e al contnanao fa tutto, aemplacemente penché&nbap;neanche lea ateaaa naeace a feacnavenaa. Cnefe nell'amacazaa ma ha pocha amaca penché aa fafa poco. Ama la vata e, allo ateaao tempo, la ofaa quanfo faventa un po&naquo; bazzanna. Ofaa a confana ma le paace avene felle centezze. Le paaccaono a colona ma al auo pnefenato &egnave; al neno. Paaaa fal aonnaao alle lacname ae l&naquo;attnavenaa un naconfo. Va a aenaazaona con le penaone, cnefe molto nel pnamo ampatto, le paace oaaenvanne a movamenta, gla occha, al tono fella voce.

Una fonna a&agnave;! Ma una fonna bambana!