servizio di MIRELLA FALCO

Risultati immagini per villa regina boscoreale

La Campania un luogo ricco di storia e tradizioni, quanta bellezza questa preziosa terra ci offre che molto spesso ignoriamo, nonostante queste siano di notevole importanza come il ritrovamento alle pendici del Vesuvio.

A pochi passi dal Vesuvio, nell’area collinare nord di Pompei, particolarmente fertile nell’antichità (da sempre coltivata da vite e ulivi) precisamente a Boscoreale tra i palazzi e il caos cittadino, è emersa una preziosa villa rustica di età romana, Villa Regina. Gli scavi risalgono al 1977, a seguito dei lavori edilizi anche se lo sterramento è stato ultimato soltanto nel 1980. Questa è un’importante scoperta in quanto consente di comprendere meglio l’ambiente e l’economia prima dell’eruzione del 79 d.C. che colpì i centri di Pompei, Ercolano, Oplontis (Torre Annunziata) e le ville di Stabiae.  La villa rustica è di piccole dimensioni, tra i diversi ambienti solo uno è  "signorile", ovvero la sala da pranzo ornato da pitture di IV stile, inoltre possiede una cella vinaria ospitante 18 dolia (contenitori da una capacità di circa 10.000 litri di vino) interrati per la conservazione del mosto. È giunta fino a noi l’uva prodotta nel vigneto, così è stato possibile ricostruire tutto l’impianto. Quello che affascina è lo stato in cui si trova la villa, purtroppo ora non può essere visitata per via dei lavori di restauro, ma è possibile ammirare il vigneto che la circondava. Molti sono i reperti portati alla luce anche un carro di trasporto e un maiale. Il calco del maiale e molti dei ritrovamenti, come una campionatura dei vegetali coltivati (cereali, legumi, ortaggi e frutta), sono custodite all’interno dell’Antiquarium, il museo adiacente all’ area archeologica della Villa. Immagine correlataLe meraviglie esposte al suo interno sono moltissime: la fauna marina (ricci di mare, pesci), gli arnesi per la coltivazione, quelli per la medicina (piccole bottigliette e una serie di strumenti chirurgici), non mancano piante e animali sacri. Una teca attira l’attenzione dove al suo interno è ricostruita un’intera toeletta femminile con specchio, pinzetta e tutta una serie di balsami e oli profumati per sottolineare ancora una volta quanto i romani davano importanza alla cura della persona, un ideale che condividiamo ancora oggi, questo fa dei romani un popolo sempre attuale, anche se non sono i soli ad averci lasciato molto in eredità. Ma questa è un' altra storia.