Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 296

news205776

Come in passato anche oggi c’è la mano del clan dei Casalesi nella vendita e nella distribuzione del latte in Campania.

L’indagine, partita dagli accertamenti su una ditta di Caserta da tempo dichiarata fallita, ha portato all’arresto di diversi imprenditori che pagavano tangenti ai boss per accaparrarsi il monopolio territoriale sulla distribuzione del latte, tra cui due manager della Parmalat, Antonio Santoro e Lorenzo Vanore.
“Il sistema camorra tesse le proprie ragnatele in quasi tutti gli ambiti dell’economia, non c’è solo la droga, l’edilizia ed il racket. I clan riescono ad attingere da diverse fonti grazie anche alla complicità di imprenditori senza scrupoli che, pur di arricchirsi, sostengono le attività criminali dei boss, facendo gestire loro la distribuzione di un bene di prima necessità come il latte. Questi imprenditori sono alla stregua dei camorristi e come tali, allora, vanno trattati. Per loro, pene severissime.” - ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

Autenticati