Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 138

Locandina 1

Sabato 30 Novembre 2019 alle ore 17.00, Palazzo Paternò in via San Carlo a Caserta farà da cornice all’evento che l’associazione Spazio Donna propone a chiusura della settimana di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne.

L’oggetto attuale e delicato dell’incontro sarà lo “stupro di guerra”, arma antica che purtroppo continua ad essere usata sotto ogni cielo, in ogni terra. Donne abusate, prede innocenti, spesso costrette a sentirsi matrigne della propria carne. Anime ferite in perpetuo, condannate a rivivere la violenza subita nei figli dello stupro.Dopo i saluti di Maddalena Corvino, Assessora alle Politiche Sociali del Comune di Caserta, i versi incalzanti di Mariastella Eisenberg accompagneranno gli spettatori da Andromaca, schiava di Pirro, fino ad arrivare ai giorni nostri con “ECHI”, recitati in diverse lingue dagli artisti di “Voci Confinanti”. In seguito “Lascia ch'io pianga”, celebre aria di Georg Friedrich Händel, sarà interpretata dai giovani ballerini di OmniarteCaserta: musica e danza come metafora delle sofferenze che le donne patiscono a causa delle tante sopraffazioni e violenze. L’essenzialità poetica e la meraviglia melodica creata dalla musica di Handel e dalla coreografia del Maestro Fabrizio Coppo, così come gli “ECHI” lontani dei versi di Stella Eisenberg, saranno espressione viva di comprensione e profonda solidarietà per tutte le donne che quotidianamente vengono brutalizzate e uccise. L’iniziativa è sostenuta dall’Assessorato alle Pari Opportunità, all’Istruzione e alle Politiche Giovanili del Comune di Caserta e rappresenta l’ennesima importante tappa di REVIVAL, progetto europeo a tutela delle donne vittime di abusi.

 
 

Autenticati