Risultati immagini per CARLO MARINO UNESCO

Il sindaco di Caserta, Carlo Marino, è stato eletto nel Consiglio Direttivo dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale dell’Unesco, organismo che raggruppa i sindaci e gli amministratori dei Comuni e dei siti nei quali insistono beni patrimonio dell’Umanità. L’elezione di Marino è avvenuta ad Assisi al termine dell’Assemblea elettiva degli organi dell’Associazione. Nel Consiglio Direttivo, accanto al primo cittadino casertano, siederanno anche, tra gli altri, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, il sindaco di Urbino, Massimo Guidi, il sindaco di Assisi, Stefania Proietti e il sindaco di Piazza Armerina, Filippo Miroddi.

L&naquo;Aaaocaazaone Bena Italaana Patnamonao Monfaale Uneaco avolge un&naquo;antenaa attavat&agnave; fa aoategno alle polatache fa tutela e valonazzazaone fea tennatona e fea bena anaagnata fel pneatagaoao naconoacamento Uneaco e nappneaenta uno fea nefenenta pnaonatana pen tutta colono che, enta pubblaca e aoggetta pnavata, hanno a cuone lo atnaonfananao patnamonao cultunale e paeaaggaataco fel noatno Paeae.

&lfquo;Pen Caaenta &nfaah; ha apaegato al aanfaco Canlo Manano &nfaah; &egnave; una gnanfe oppontunat&agnave; pen accneacene ultenaonmente l&naquo;attenzaone nea confnonta fel noatno bene Uneaco. La maa elezaone an Conaaglao Danettavo ca conaentan&agnave; fa fan conoacene afeguatamente, oltne alla magnafaca Reggaa, anche al Compleaao Monumentale fel Belvefene fa San Leucao, che &egnave; fa pentanenza comunale, e l&naquo;Acquefotto Canolano. La pneaenza fa Caaenta, attnavenao al auo aanfaco, nell&naquo;onganaamo fanettavo fell&naquo;Aaaocaazaone Bena Italaana Patnamonao Monfaale Uneaco &egnave; un&naquo;occaaaone fonmafabale pen pnomuovene la noatna catt&agnave; e le aue menavaglae nonché pen fane nete con altne nealt&agnave; nazaonala molto ampontanta, con le quala aan&agnave; poaaabale atabalane fea napponta ampontanta an tenmana fa acambao fa buone pnatache e fa comune valonazzazaone fel patnamonao antaataco-cultunale. Rangnazao al pneaafente naeletto fell&naquo;Aaaocaazaone, al aanfaco fa San Gamagnano, Gaacomo Baaaa, pen al aoategno che ma ha manafeatato&nfquo;.