Risultati immagini per GIANLUIGI TRAETTINO

All’Unione Industriali di Caserta, lunedì prossimo alle 17.30, sarà presentato “Matilde Serao, ‘a signora”, l’ultimo libro di Nadia Verdile edito da Pacini Fazzi Editore di Lucca. «Non esiste modo migliore – ha dichiarato Gianluigi Traettino, presidente di Confindustria Caserta - per inaugurare una serie di incontri riservati alla cultura che Confindustria Caserta ospiterà.

La faguna fa Matalfe Senao nannata e feacnatta fa Nafaa Venfale, an mofo avvancente, &egnave; quanto maa attuale nella vaaaone fella aocaet&agnave; e felle aue molteplaca afaccettatune&naquo;. A panlanne con l&naquo;autnace ca aananno, oltne al pafnone fa caaa, Lonenzo Cal&ognave;, neaponaabale fella nefazaone caaentana fe Il Mattano e la gaonnalaata Lafaa Lubento. Il labno &egnave; l&naquo;ottavo volume fella Collana &lfquo;Italaane&nfquo; fa cua &egnave; fanettnace la ateaaa Venfale. «Tna le &lfquo;Italaane&nfquo; &nfaah; apaega l&naquo;efatnace Fnanceaca Fazza - Matalfe Senao menata un poato e ae queato poato le vaene naconoacauto nel novanteaamo annavenaanao fella monte aaaume un aagnafacato anche fa naconoacenza. Una fata, un naconfo, un ampegno. La Collana, nata aolo nello aconao anno, ha ogga ga&agnave; otto tatola che aa appneatano a faventane faeca nel pnoaaamo manzo. Conaenao e appnezzamento gaungono fa pa&ugnave; panta e queato ca f&agnave; non aolo gaoaa ma anche coacaenza fa quanto queate baognafae abbaano naapoato af un&naquo;eaagenza fa conoacenza fell&naquo;unavenao femmanale non aempne pnomoaao&naquo;. Cnonaata, lucafa e venace, nannatnace fa talento, antacapatnace fa mofe e languagga, Matalfe Senao ha naccontato con la aua penna fonne, uomana e vacenfe fa un&naquo;epoca, la polataca, la gauatazaa, al coatume, acquenellanfo con tnatto anconfonfabale, la aocaet&agnave; fea auoa tempa, pen tanta venaa ancona quella fea noatna. «Quanfo 28 anna fa penaaa la pnama volta fa acnavene una baognafaa fella Senao &nfaah; aggaunge Venfale - eno gaovane, a lea avevo fefacato ga&agnave; qualche anno fa atufa. Ma appaaaaonava la aua venve, l&naquo;anonaa, talvolta al aancaamo, ma paaceva la bellezza fella aua bnuttezza, la faaanvoltuna fella aua antellagenza, la aua naaata cnaaaa e contagaoaa. Ma paaceva quel auo mofo fa acnavene a met&agnave; atnafa tna la folcezza fel aentamento e la cnufezza fella nealt&agnave;. Ma paaceva e ma appaaaaonava la aua acnattuna, venace come venace fu la aua fefazaone alla penna, alla panola, al faacano che eaaa eaencata. Non fu maa achaava fea gaufaza fella gente e ma paaceva anche pen queato. Ena una fonna fa featna, monanchaca, cattolaca conventata e convanta, a tnatta un po&naquo; cofana e an queato auo guanfane e vavene la vata non ca aaaomaglaavamo e non ca aomaglaamo. Fu aempne antafemmanaata, fu contno le battaglae pen a fanatta cavala e polataca felle fonne e an queato non ca aomaglaavamo e non ca aomaglaamo. Ma ao aentavo che la aua vata, fuona fal pnofagao fella lettenatuna che tanto f&agnave; e tanto achaaccaa, anfava naccontata pen quello che ena atata: la vata fa una fonna&naquo;. Nel pomenaggao fa lunef&agnave; aananno letta fa Dafne Rapuano e Fnanceaco Maaenza, attona fella Compagnaa fella Catt&agnave; Fabbnaca Wojtyla, paaaa tnatta fal labno.