discorso mostra

L’Arte chiama, Caserta risponde. E’ stato un successo il Vernissage della mostra Scrigno di memorie: Arte nei luoghi nascosti, che si è tenuto ieri a partire dalle ore 18.30. Una affluenza inattesa che ha visto la presenza di molti volti noti e non nel panorama culturale casertano.

L’ass. Terra del Sole della giornalista Laura ferrante, ha ancora fatto parlare di se e delle iniziative atte a valorizzare beni del nostro territorio. Circa trenta artisti talentuosi, con linguaggi diversificati hanno testimoniato come l’arte moderna ben si accosta all’arte settecentesca del Barba il quale, se fosse ancor oggi vivo, sicuramente avrebbe gradito il connubio. Elegante e raffinata l’atmosfera che catturava il visitatore e lo conduceva per mano avvolto in una magia nelle stanze del palazzo dove i suoi occhi si riempivano di cotanta bellezza. La visita al palazzo e alle opere si è arricchita dal racconto del critico d’arte Enzo Ruju che ha ben descritto la nascita del Palazzo Paternò attraversando i secoli che hanno poi portato l’illustre famiglia siciliana a scegliere tali forme ed affreschi per la loro dimora ed i racconti di Michele Fernandez che il marchese lo ha conosciuto di persona ed è attaccatissimo alla storica via san Carlo. Infine, il dott. Di Mauro ha portato i saluti dei fratelli Paternò ancora in vita. Presente anche l’ass. alla cultura del comune di Caserta prof.ssa Daniela Borrelli che ha portato anche i saluti dell’amministrazione ed elogiato l’iniziativa. Assenti invece, don Antonello ed il sindaco Carlo Marino. Per la delizia delle orecchie ma anche dello spirito, le dolci note del pianoforte suonate dal bravissimo M° Caterina Bernardo che hanno accompagnato la sfilata della modella per bodypainting dipinta dall’artista Marzia di Somma che si è concluso con un concerto di musica classica. Si ringrazia per il buffet Loreto Catering che ha saputo ben soddisfare i palati più raffinati. “E’ stato un successo inaspettato – dice l’organizzatrice – ringrazio davvero la famiglia Paternò per la possibilità che mi ha dato, gli artisti tutti per la fiducia che hanno dimostrato nel progetto e per tutti quelli che hanno collaborato. E’ stata la prima rassegna organizzata in questo bellissimo palazzo e stiamo progettando una collaborazione a lungo termine” ha chiosato Laura Ferrante nascondendo una grande emozione.