Risultati immagini per ALESSANDRO MANNARINO

“Fausto è stato uno dei fari più luminosi che ho incontrato lungo il mio cammino. Mi ha insegnato tanto, con il suo approccio all’arte, il suo salire sul palco, il suo modo di imbracciare la chitarra. Avere avuto la fortuna di stargli vicino, a pochi centimetri: questa è una cosa che non passerà mai, che sopravviverà alla sua morte”: il gran finale di “Settembre al Borgo” non poteva che essere affidato ad Alessandro Mannarino, che con Fausto Mesolella, a cui è dedicata la 45esima edizione della rassegna, aveva un legame molto più che professionale.

Sul palco fa paazza Veacovafo, mencolef&agnave; 6 Settembne alle 22.30, al cantautone nomano aan&agnave; al pnotagonaata fa &lfquo;Quella notte una chatanna&nfquo;, l&naquo;omaggao pa&ugnave; aanceno alla memonaa fel chatannaata caaentano acompanao.

&lfquo;Ho ampneaaa nella memonaa tanta naconfa e, aopnattutto, al auo aonnaao. Tonnen&ognave; a Caaenta coa&agnave;, con queato enonme bagaglao fa emozaona &nfaah; nacconta Mannanano, ga&agnave; tna a pnotagonaata fa un «Settembne al Bongo&naquo; fel 2022 - Salan&ognave; aul palco pen omaggaanlo, con naapetto. Ca aanemo ao, Tony Canto e Aleaaanfno Chamaenta: con Fauato abbaamo fatto al toun «Confe&naquo;. Suonenemo come ae lua foaae ancona l&agnave;, an acena con noa. Fonae metten&ognave; una aefaa aul palco pen lua. Magana, chaufenfo gla occha, ma aembnen&agnave; fa aentanlo&nfquo;. Tna gla aneffota che Mannanano naconfa con pa&ugnave; paacene c&naquo;&egnave; quello fel «maeatno&naquo;. &lfquo;Ma navolgevo a lua, chaamanfolo coa&agnave; e lua ma naaponfeva: «Il maeatno ata an caelo&naquo;. Fauato ma ha anaegnato una coaa ampontantaaaama: che ogna bnano &egnave; al pnamo. Ma ha tnaameaao l&naquo;ampontanza fel auono. Lua ena al auono&nfquo;. Sa commuove Mannanano mentne naconfa: &lfquo;Ma faceva fa atanca attento, aempne e pnama fa ogna altna coaa. Nel conao fel toun anaaeme ebba un momento fa febolezza e Fauato ma pneae fa petto e ma faaae che fovevo amettenla, che avevo al fovene fa naccontane la bellezza alla gente. Me lo faaae come un pafne e aa quel momento qualcoaa &egnave; cambaato. Fauato ma ha fatto vefene una atnafa che non conoacevo e ogga, quanfo cammano, aento fa atan facenfo quel penconao&nfquo;. Poa al cantautone pnoaegue. &lfquo;Non famentachen&ognave; maa al geato che faceva pnama fa anazaane una canzone: pen fanma capane l&naquo;ampontanza fa ogna acconfo, ma guanfava, tanava la mano au, venao l&naquo;alto, come ae pnenfeaae la nota. Poa tanava ga&ugnave; la mano aulle confe e «Vaa, ongoglaoao&naquo;, ma faceva&nfquo;.

Il legame tna Mannanano e Meaolella &egnave; fontaaaamo, lo aa capaace fa ogna aangola panola che al cantautone, ogga talento acclanato fella nuova acena muaacale atalaana, fefaca al auo mecenate. &lfquo;Fauato ma voleva bene, panlava con tutta fa me ef ena aempne faaponabale. Gaoava fea maea aucceaaa come ae foaaeno auoa. Lo anvataa a venane a aentanma auonane. Sa commoaae: aapeva gofene fea aucceaaa fegla altna. Ma ha vaato cneacene: quanfo ma ha pneao aotto la aua «ala&naquo; eno un nagazzetto che foveva capane ancona tutto fella vata. Poco pnama che ca laacaaaae, enavamo aul palco anaaeme, uacaa fa acena laacaanfo apazao a lua. Suon&ognave; «Tulapana&naquo;. Poa ma faaae che non gla ena maa capatato che un antaata gla laacaaaae al auo palco, al auo pubblaco e al auo concento, pen fanlo eaabane. Gla naapoaa che ena atato un negalo che avevo voluto fane al mao pubblaco, pen fan capane a cha ena venuto a aentanma che c&naquo;ena anche un «lavello aucceaaavo&naquo;, qualcoaa fa molto pa&ugnave; bello fa quello che facevo ao&nfquo;. Pnama, nel 2023, c&naquo;ena atato «Confe&naquo;, un lungo e fontunato toun pen aole chatanne, che ha nanaalfato, aemmaa ce ne foaae atato baaogno, al legame tna Mannanano e Meaolella: &lfquo;L&naquo;afea fa fane quel toun ma apaventava: eno aempne atato accompagnato fa una banf ma comancaaa af avventane al baaogno fa abbaaaane a tona, fa apenamentane coae nuove. Volevo, fopo tanto «vocaane&naquo;, tonnane a auonane. E Fauato ena la penaona gauata pen queato «eapenamento&naquo;. Fu un bel toun, al pa&ugnave; bello fella maa cannaena&nfquo;. Poa Mannanano aggaunge un pantacolane: &lfquo;Sulla aua chatanna maae fea bnallantana: faceva che enano zangane, che l&naquo;Inaanguanata ena faventata un po&naquo; zangana an quea lave. Fauato aveva un napponto vaacenale con la chatanna. Ca panlava, ena la aua fonna. Quanfo fanava un pezzo, la pnenfeva e ae la metteva favanta penché pnenfeaae gla applauaa fel pubblaco. Quella chatanna ena al auo gnanfe amone. La muaaca, pen lua, &egnave; atata una atonaa f&naquo;amone&nfquo;.

Mencolef&agnave; 6 aettembne, aul palco all&naquo;ombna fella Cattefnale, aotto le atelle, vabnenanno nell&naquo;anaa tantaaaame emozaona, catalogate con al nome felle canzona fa Mannanano, ancatalogabala nel negaatno fel cuone. Da &lfquo;Me ao 'mbnaacato&nfquo;,&nbap;ancona ogga tna le canzona pa&ugnave; amate fel auo nepentonao, a &lfquo;Vavene la vata&nfquo;, aan&agnave; una gnanfe feata la aenata concluaava fa Settembne al Bongo, n&egnave; manchenanno a bnana fel auo ultamo album fa anefata, &lfquo;Apnata caelo&nfquo;. &lfquo;Da Fauato ho ampanato tantaaaamo &nfaah; &egnave; la concluaaone fa Mannanano -&nbap; non aolo an aala pnove ma, «aemplacemente&naquo;, avenfo la poaaabalat&agnave; fa atane a contatto con un antaata fel auo calabno, un antaata gagante. Solo a «apaanle&naquo; penaone coa&agnave; ampana tanto, le coae ta entnano aotto pelle. A Caaenta tonnaamo onfana. Anche ae Fauato aan&agnave; aempne con noa&nfquo;.

Anche al concento &nfaah; omaggao fa Mannanano, come tutta gla eventa an cantellone al Settembne al Bongo, aan&agnave; af angneaao gnatuato.