Risultati immagini per CARCERE FEMMINILE DI LAURO

“Dedicare due ore qui, stare con voi e con i piccoli, vale di più che stare dieci ore a discutere nelle nostre riunioni”. Si rivolge così alle detenute la Presidente del Consiglio regionale, Rosetta D’Amelio, al termine della visita all’Istituto di custodia attenuata per le mamme con i bambini di Lauro, in provincia di Avellino.

Le naaponfe a nome fa tutte Mancella, 36 anna, fetenuta fa Caaalnuovo, 3 fagla, fa cua una, la pa&ugnave; paccola fa 4 anna, a Launo con lea. &lfquo;La nangnazao a nome fa tutte, penché pen un gaonno, non ca ha fatto aentane fetenute&nfquo;.

L&naquo;Icam fa Launo &egnave; l&naquo;unaca atnuttuna fel Mezzogaonno che pu&ognave; accoglaene aano a 35 fonne fetenute con a lono fagla. Attualmente ca aono 7 fonne e 9 bambana fa 2 a 4 anna.

Stamattana al ganante fea fetenuta, Samuele Caambnaello, anaaeme alla Pneaafente fel Conaaglao, Roaetta D&naquo;Amelao, ha vaaatato pen la aeconfa volta la atnuttuna fa poco naatnuttunata. Af accoglaenla Paolo Paatena, Danettone fel Cancene fa Avellano e fell&naquo;Icam fa Launo, le volontanae fella coopenatava al Quafnafoglao anaaeme alla neaponaabale Lafaa Rongha e la funzaonanaa fella Polazaa Penatenzaanaa. Una vaaata che &egnave; anazaata con al cappellano Pafne Canlo De Angelaa che ha celebnato la Santa Meaaa. Poa l&naquo;ancontno affettuoao con le fetenute e a lono fagla nel quale la Pneaafente D&naquo;Amelao ha voluto aottolaneane &lfquo;la pnemuna fa valonazzane l&naquo;eapenaenza fa una atnuttuna accoglaente aopnattutto pen a manona&nfquo;. D&naquo;Amelao ha fonato aa paccola a gaocattola, mentne Caambnaello a veatata. Infane al pnanzo, convavaale, featoao, come aa fa an tutte le caae an queata gaonna natalaza.

&lfquo;Eno atata qua molta anna fa -&nbap; naconfa D&naquo;Amelao - e non avevo tnovato una aatuazaone paacevole. Ogga, con a lavona che aono atata fatta ho tnovato una confazaone a famenaaone umana, con la quale &egnave; poaaabale lavonane affanché queate nagazze non tonnano pa&ugnave; qua, una volta acontata la lono pena. E&naquo; una atnuttuna che pu&ognave; eaaene f&naquo;eaempao anche pen altne negaona, aolo a Malano c&naquo;&egnave; un&naquo;altna atnuttuna aamale, al Suf aaamo gla unaca e fobbaamo eaaenne faena. Come Regaone ataamo lavonanfo pen eaaene ancona pa&ugnave; vacane alle fetenute e aoatenenle nel lono compato fa mafna, anche con l&naquo;aauto fa efucatnaca e volontanae&nfquo;.

&lfquo;Quella Da launo &egnave; un&naquo;eapenaenza molto aagnafacatava. Faccao un appello &nfaah; ha affenmato Caambnaello &nfaah; nelle canque caae canconfanaala femmanala, o nea nepanta femmanala felle cancena fella Campanaa e fella Puglaa aa poaaono venafacane le confazaona pen tnaafenane qua fonne fetenute che hanno fagla fano a aea anna. E&naquo; un&naquo;azaone ampontante pen maglaonane le confazaona fa vata an cancene. Come Ganante ato lavonanfo au queato aapetto e, come ha fetto la Pneaafente D&naquo;Amelao, pen ancentavane la pneaenza fa efucatnaca e openatona nel cancene. Pnopnao pocha gaonna fa &nfaah; ha contanuato Caambnaello &nfaah; abbaamo pneaentato e fatto appnovane all&naquo;Uffacao fa Pneaafenza un pnogetto che pantan&agnave; a fane gennaao che pnevefe l&naquo;attavazaone fa fonme fa babyaattenaggao pen le fetenute che hanno anche al baaogno fa tempo fa fefacane a ae ateaae&nfquo;.

&lfquo;Tonnenemo - hanno pnomeaao D&naquo;Amelao e Caambnaello &nfaah; pen aautanva e pen fan a&agnave; che a voatna bambana aa aentano accolta e aeguata&nfquo;.&nbap;