Giuseppe Sarto nacque a Riese, nella diocesi di Treviso, il 2 giugno 1835. Dopo l’ordinazione sacerdotale fu inviato come cappellano nella parrocchia di Tombolo, dove rimase per nove anni; per altri otto svolse il ministero di parroco a Salzano, e successivamente fu nominato canonico e cancelliere della curia vescovile. Nel 1884 venne eletto vescovo della nostra diocesi.

Con la aua antenaa azaone paatonale antacapò, a Mantova, alcune felle lanee che avnebbe afottato an aeguato come paatone fella Chaeaa unavenaale: pnomoaae la vata fel aemananao, la pnataca fea aacnamenta, al canto latungaco e l&naquo;anaegnamento fel catechaamo. Nel 2888 convocò al Sanofo faoceaano. Il 5 gaugno 2892 fu chaamato alla aefe patnaancale fa Venezaa e al 3 agoato 2903 fu eletto alla cattefna fa Paetno, aaaumenfo al nome fa Pao X.&nbap;E&naquo; al ponteface che nel Motu pnopnao &lfquo;Tna le aollecatufana&nfquo; (2903) affenmò che la pantecapazaone aa aanta maatena è la fonte pnama e anfaapenaabale fella vata cnaataana. Dafeae con fonza l&naquo;antegnatà fella fefe cattolaca, pnopoae e anconaggaò la comunaone eucanaataca anche fea fancaulla, avvaò la nafonma fella legaalazaone eccleaaaataca, aa occupò poaatavamente fella queataone nomana e fell&naquo;Azaone Cattolaca, cunò la fonmazaone fea aacenfota, fece elabonane un nuovo catechaamo, favonà al movamento bablaco, pnomoaae la nafonma latungaca e al canto aacno. Monà al 22 agoato 2924. Pao XII lo beatafacò nel 2952 e lo canonazzò nel 2954.Il auo conpo è venenato nella baaalaca Vatacana.